Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
giovedì, 19 ottobre 2017

Il mondo di «Us da le as» si accende
Dai Balù de Gardù al Fant de cope

Tutte le informazioni sulla rassegna di teatro su palcogiovani.net (BATCH)

Il culto del vernacolo si recita in 74 appuntamenti, per voce di 48 compagnie e in 13 teatri parrocchiali di Brescia: cifre importanti. Nei fatti il calendario toccherà tutti i principali quartieri urbani: da Casazza a Sant'Eufemia, passando per il Sereno, Violino, Cristo Re e tanti altri. E guai a chiamarli periferici. Per il dodicesimo anno di fila la rassegna «Us da le as», proposta dall'associazione Palcogiovani in collaborazione con il Comune di Brescia, riempirà pomeriggi e serate dei bresciani con la tradizionale stagione di teatro dialettale.

SI PARTE il primo ottobre dal Cinema Teatro Colonna, con «Un bel dì vedrèm», della compagnia «I gnari de 'na òlta» di Serle, e si chiude il 27 maggio prossimo a Sant'Eufemia con il gruppo «El Sangìot» di Molinetto.

Nel mezzo un mondo diviso formalmente in due atti: il primo da ottobre a dicembre, il secondo da gennaio a maggio. Composto da compagnie appassionate, dedizione alle prove infinite, sublimazione nella recita finale. Che costituisce il cuore di tutto il lavoro: «Stiamo parlando di un tipo di teatro che vede il futuro di anno in anno - spiega Cristian Delai di Palcogiovani, l'anima della rassegna -: a differenza di altri tipi di proposte non possiamo ragionare in avanti di un decennio».

Delai prosegue spiegando che ogni stagione la proposta viene studiata. «Cerchiamo di coordinarla su un fronte unico, costruito intorno al dialetto e alla sua declinazione teatrale. Abbiamo oltre mille persone che hanno sottoscritto la richieste di ricevere il programma: la maggior parte è composta da un pubblico anziano, ma c'è anche qualche giovane».

Un patrimonio da stimolare e difendere, ormai divenuto appuntamento fisso per tante compagnie di città e provincia. Tra le novità del 2017/18 spicca il recital del gruppo «I Zeloti» di Sabbio Chiese, che coinvolgerà interi nuclei famigliari, ma anche la presenza del gruppo più giovane del territorio bresciano: gli «Amici di San Rocco» di Montisola.

A TUTTO QUESTO si aggiunge la realizzazione del libretto dell'ottava edizione di «El Piò en Vèrs», premio di poesia dialettale che verrà omaggiato al pubblico dal mese di febbraio.

Per ulteriori informazioni e per il programma completo è possibile visitare il sito palcogiovani.net.