Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 24 ottobre 2017

La vita esemplare di Rabito
nel racconto di Panzeri

Il Festival «Memorie di Terra» abbraccia la seconda tappa della trilogia «Terra Matta», stasera alle 20.30 al Parco Invalidi del Lavoro di via Camprelle a Nuvolera. Sul palco Stefano Panzeri ripercorre la vita di Vincenzo Rabito, semianalfabeta di Chiaramonte Gulfi (Ragusa) e narratore del Novecento.

Rabito ha raccontato la propria vita ogni volta che ne avesse occasione; ogni volta in cui gli capitasse a tiro un orecchio disposto ad ascoltare: il lavoro contadino, la fame, il macello della trincea durante la Prima guerra mondiale, l’emigrazione in Germania, gli anni del boom economico, gli anni ’60 e ’70, l’astio con la suocera, l’amore per i tre figli da far studiare per riscattare la «descraziata vita passata!». Un ragazzo che ha creduto nella vita e che, a 69 anni, ha voluto raccontarla e scriverla con tutto il suo carico d’umanità: un fiume e un vulcano che trascinano con sé rabbia, dolore, sofferenza, lirismo, dolcezza, tenerezza.

In caso di maltempo lo spettacolo si terrà nel Teatro Parrocchiale di via Generale Luigi Soldo 1.AL.FA.