Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 settembre 2018

Spettacoli

Chiudi

07.03.2018

Magnificat avvince e Maria domanda spiegazioni a Dio

Magnificat FOTO FEDERICO BUSCARINO
Magnificat FOTO FEDERICO BUSCARINO

In «Magnificat», il libretto di versi e prosa pubblicato nel 2002, Alda Merini incontra ed evoca la figura di Maria, ne scandaglia le contraddizioni che la fanno vergine e madre del Messia, umile serva e radice del mondo, amante appassionata e groviglio di lacrime. Ne contempla la bellezza, si immedesima nei suoi sentimenti di fragile adolescente impaurita di fronte all’annuncio dell’angelo ma conscia del compito immane che le è stato affidato, la vede vecchia e smarrita ai piedi della croce e salda nella fede che il Figlio risorto è salvezza per tutti gli uomini. Arianna Scommegna, attrice tra le migliori della sua generazione, ha dato voce al «Magnificat» di Alda Merini in uno spettacolo, con la regìa di Paolo Bignamini, presentato al Sociale per «Brescia contemporanea». La scena essenziale è un palchetto rettangolare spoglio con un telo bianco sul fondo che si illumina di colori emozionali: il giallo ramato dell’Annunciazione, il blu della Passione… Maria entra nella penombra insieme a Giulia Bertasi che con la fisarmonica costruisce un tessuto musicale in cui si rispecchiano le parole della poesia. Entra stringendo tra le braccia un lenzuolo di seta cangiante come una madre che ninna il suo piccolo; poi il lenzuolo diventerà l’ala dell’angelo, terra su cui distendersi, velo in cui avvolgere la vecchiaia. «Quando il cielo baciò la terra, nacque Maria» sono le prime parole del poemetto. Arianna Scommegna le pronuncia quasi scandendo le sillabe perché non un’immagine, non un suono vadano persi. La sua è una Maria umanissima che accetta con fede di essere strumento divino e non rinuncia però a chiedere conto a Dio del suo destino di sofferenza. Applausi lunghi e meritatissimi. •

Francesco De Leonardis
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok