Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 novembre 2018

Spettacoli

Chiudi

02.09.2018

Sfera Ebbasta, la «Rockstar» che non fa rock

Entrata in scena trionfale per Sfera Ebbasta nella notte fra venerdì e sabato a Ghedi FOTOLIVE/Filippo VeneziaSfera Ebbasta: ha sfondato il muro della top 100 di SpotifyI fan entusiasti all’appuntamento bresciano con il trapper
Entrata in scena trionfale per Sfera Ebbasta nella notte fra venerdì e sabato a Ghedi FOTOLIVE/Filippo VeneziaSfera Ebbasta: ha sfondato il muro della top 100 di SpotifyI fan entusiasti all’appuntamento bresciano con il trapper

La consistenza del fenomeno ormai è acclarata. A prescindere da ogni critica di stampo purista, da ogni opposizione idealistica, da ogni obiezione estetica, Sfera Ebbasta è il nome forte dell’hip-hop in Italia e oltre i confini. Infatti, se Gionata Boschetti da Cinisello Balsamo diventa il primo italiano ad entrare nella top 100 di Spotify, qualcosa di grosso deve essere successo. L’esibizione organizzata dal Number One al Florida di Ghedi conferma che la trap è più viva ed endemica che mai e che sta forgiando una generazione di «trappettari» che passano i pomeriggi al parco canticchiando le rime di Sfera e di Ghali. Se tutte le 20 date del «Rockstar tour» di Sfera Ebbasta registrano il successo dell’appuntamento bresciano, e non c’è motivo per pensare che non sia così, si può dedurre che per ogni ragazzo che imbraccia una chitarra nella sua camera da letto ce ne sia uno che si diletta a star dietro alle ritmiche e ai suoni campionati del rapper milanese. SPIEGARE la fenomenologia del nuovo peso massimo del rap italiano richiede un minimo di intuito e, al contempo, merita un approfondimento. La modalità con cui Sfera Ebbasta serpeggia fra le proprie rime perfette, ovvero versi chiusi con la stessa identica parola, convogliando i canonici 3 temi (denaro, fama, droga) del movimento musicale arrivato dagli Stati Uniti, ha senza dubbio un effetto pseudo-ipnotico suffragato dai suoni metallici e dai bassi che svettano su tutto. Il peso della post-produzione nel disco e del supporto tecnologico all’esibizione è sfacciato, ma con Sfera Ebbasta ogni ragionamento sulla tecnica è quanto meno fuori luogo, se non addirittura fallace: per lui parlano i numeri, parla l’entusiasmo delle centinaia di ragazzi che sovrappongono le loro voci a cominciare da «Tram tram», passando per «Bancomat», «Leggenda», la virale «Scooteroni», fino a «Lamborghini», realizzata con Gue Pequeno. Fingere indifferenza o fare del negazionismo sarebbe inutile. Il trapper ha ormai sfondato grazie alla propria idea di cavalcare quel movimento reazionario anti-borghese dei sobborghi milanesi che trova proseliti con una facilità tanto inspiegabile quanto disarmante. E poco importa se il substrato ideologico e di vissuto che dovrebbe fare da propulsore a tutto il movimento è inconsistente. Sfera Ebbasta ha ragione quando dice che la trap «è il nuovo rock»: in una società permeata di pessimismo, è fisiologico che lo sguardo e i giudizi delle nuove generazioni vengano filtrati attraverso la prospettiva di una utopica vita di agio e benessere ben oltre l’indispensabile. Quindi si dà un calcio non solo ai motivi spensierati e rockeggianti dei Blink-182, ma anche al disagio limitato al personale di Eminem dei primi anni 2000: la nuova ondata, come sempre arrivata dagli Usa con anni di ritardo, stavolta ha lo stampo di una piccola aggregazione locale che vuole spargersi a macchia d’olio. E che lo fa in maniera sfacciata, se è vero che, come dice in una litote Sfera Ebbasta, «Sono stonato/non so rappare/che posso dire, scusate mi spiace/ho inventato tutto, è tutto falso/Sfera Ebbasta è solo un personaggio». E non è poco. •

Vincenzo Spinoso
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok