Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 novembre 2018

Spettacoli

Chiudi

12.05.2017

«Un amore così grande» con il trio Il Volo

Il concerto del trio Il Volo in Arena il 4 luglio del 2016
Il concerto del trio Il Volo in Arena il 4 luglio del 2016

Tutto pronto per le riprese veronesi di «Un amore così grande», il nuovo film prodotto dalla scaligera A.C. Production di Michele Calì e Federica Andreoli (in co-produzione con la russa Len Cinematografica) dedicato al mondo della lirica e ambientato tra Verona e Sanpietroburgo, che vede la partecipazione amichevole del trio Il Volo.

Il progetto, nato in collaborazione con il Comune di Verona, Fondazione Arena e Regione Veneto, quale risposta culturale a un crescente e diffuso disinteresse – soprattutto tra le nuove generazioni – per l’opera lirica, è stato presentato ieri a Palazzo Barbieri.

«Convincere Gianluca Ginoble, Piero Barone e Ignazio Boschetto, non è stato facile. Ma quando hanno letto la sceneggiatura, nella quale interpretano essenzialmente se stessi, hanno accettato con entusiasmo», ha rivelato Andreoli. Alcune scene con i ragazzi de Il Volo, alla loro prima avventura cinematografica, sono state girate nell’estate 2016 in occasione del loro mega concerto in Arena. Mentre il mese scorso, la produzione ha preso ufficialmente il via tra le «gelide strade russe» che fanno da cornice alla vita di Vladimir, il giovane protagonista della pellicola.

Lunedì prossimo, dunque, tocca al primo ciack scaligero con l’intero cast, composto da Giuseppe Maggio e Francesca Loy, interpreti della giovane coppia che si innamora proprio grazie alla magia di un «notturno areniano», Eleonora Brown (con Sofia Loren ne «La Ciociara» di Vittorio De Sica), Franco Castellano, Fioretta Mari, Riccardo Polizzy Carbonelli, Daniela Giordano. E da circa 800 comparse e figuranti in piccoli ruoli. Tutti diretti dal regista Christian De Matteis, già impegnato in diverse serie tv quali «Distretto di polizia», e al fianco di Mel Gibson ne «La passione di Cristo».

«Un film coraggioso e di ampio respiro», secondo Maggio (Vladimir), «perché oltre alla lirica, racconta una storia d’amore e una dramma personale».

«Un amore così grande è quello che dovrebbe essere sempre in ognuno di noi. Per sé e per tutti gli altri», ha aggiunto Guido Maria Ferilli, autore dell’omonima canzone, scritta per il tenore Mario Del Monaco.

Il film, nelle sale italiane a San Valentino 2018, «contribuirà a far riappassionare i giovani al genere musicale della lirica e del bel canto (un brand tutto made in Italy riconosciutoci in tutto il mondo), anche grazie ai talenti, più o meno coetanei, proposti loro come modello», ha sottolineato il sindaco Flavio Tosi, «ovvero a rilanciare la Fondazione Arena e promuovere la nostra città in altri contesti nazionali e internazionali».

Francesca Saglimbeni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok