Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
16 dicembre 2018

Sport

Chiudi

13.09.2015

«Ho battuto Flavia, ma tifavo Roberta»

Flavia Pennetta durante il match vinto contro Roberta Vinci
Flavia Pennetta durante il match vinto contro Roberta Vinci

Francesca Schiavone, milanese con radici bresciane (la madre è di Bornato e il padre di Avellino) cambiò la storia del tennis italiano vincendo, prima azzurra a riuscirci, i French Open al Roland Garros nel 2010. Ora sono addirittura due pugliesi, la brindisina Favia Pennetta e la tarantina Roberta Vinci, a riscrivere la storia di questo sport arrivando a giocarsi la finale degli Us Open. Un duello tutto italiano. Bello e imprevedibile. «UNA COSA INCREDIBILE - commenta Elena Savoldi, la migliore tennista bresciana (134esima al mondo nel 2004) con 4 vittorie in tornei internazionali da 10 mila dollari e due successi in Challenger da 25 mila -. Non ci pensavo neppure io, anche se vedendole in semifinale non mi sono stupita. Flavia e Roberta hanno disputato grandi incontri, che consiglio di far vedere più volte a grandi e piccini. Fantastiche, favolose».Pennetta e Vinci hanno davvero dato una svolta alla storia del tennis italiano. Due giocatrici che Savoldi conosce bene. «Conosco soprattutto la Vinci, mentre ho incrociato la racchetta solo una volta con Pennetta - ricorda Savoldi, oggi maestra della Rossi School -. È successo tanti anni fa e in quell'occasione ho vinto io».Era il 2002 e mentre Elena Savoldi difendeva i colori del Mecc-Lan Capriolo, caro al suo presidente Arturo Salogni, nel campionato di serie A1 femminile a squadre, la vincitrice dello Us Open difendeva quelli del Tc Bonacossa Milano. Prima gara della stagione al Rigamonti (il palasport di Capriolo non era omologato). Pennetta e Brianti portarono Milano sul 2-0, ma a pareggiare i conti pensarono Savoldi e Flora Perfetti contro Alice Artesani (6-3, 6-0) e Lea Ghirardi (6-2, 6-2). Nel doppio di spareggio, il duo bresciano composto da Savoldi-Perfetti non si fece intimorire, vincendo in tre set: 6-3, 3-6, 6-1.«Poi di strada Pennetta ne ha fatta tanta - dice Savoldi -: lo testimoniano i tanti successi conseguiti sia in singolo che in doppio». Ma se contro Pennetta ha giocato e vinto, non altrettanto Elena ha fatto contro Vinci. «Nella finale americana ho tifato per Roberta - ammette Savoldi -. Perché la scorsa settimana sono stata proprio a New York e le sono stata vicina mentre si allenava. Poi perché è allenata da Francesco Cino, marito di Susanna Attili, per tanti anni mia compagna di doppio e mia testimone di nozze. Non solo, io sono stata testimone anche delle sue nozze con Francesco e pertanto mi sento molto più legato alla Vinci, anche se in questo caso è il tennis italiano ad aver trionfato».o COPYRIGHT

Salvatore Messineo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Palermo
30
Lecce
26
Pescara
26
Cittadella
25
Brescia
24
Hellas Verona
22
Perugia
22
Benevento
21
Spezia
21
Ascoli
20
Salernitana
20
Venezia
19
Cremonese
19
Cosenza
14
Foggia
12
Crotone
12
Padova
11
Livorno
10
Carpi
10
Ascoli - Cittadella
1-1
Brescia - Lecce
Carpi - Salernitana
Cosenza - Benevento
Crotone - Venezia
Foggia - Cremonese
3-1
Hellas Verona - Pescara
Palermo - Livorno
1-1
Perugia - Spezia
1-1
Padova - [ha Riposato]