Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 13 dicembre 2017

Feralpi Salò a benzina verde:
il vivaio cresce a velocità record

Paolo Migliorati, Pietro Strada, Cesare Beggi e Fabio Norbis (BATCH)

Continua a crescere il settore giovanile della Feralpi Salò, che inizia la stagione con numeri record: 30 squadre, 7 in più rispetto all’anno scorso (tra le novità i piccolini del 2008-09, e le 3 femminili: under 12, under 16 e serie D, che debutterà in campionato domenica, contro la Bettinzoli in trasferta), 75 tecnici e collaboratori, 524 tesserati (+ 24 per cento), 8 società affiliate (Borgo San Giacomo, Mompiano, Navecortine, Nuvolento, Odolo, Passirano Camignone, Villaclarense. Virtus Feralpi Lonato: in tutto 1.300 atleti), 5 impianti utilizzati (il «Carlo Amadei» in sintetico, a fianco del «Lino Turina», il «Mario Rigamonti» a Buffalora, Nuvolera e, in città, sia la Badia che il «Chico Nova» al Villaggio Sereno).

«Avere un movimento così lanciato è un bene per il processo di miglioramento di tutto il club», Francesco Marroccu, direttore sportivo e generale.

Pietro Strada è stato confermato responsabile del settore, con Fabio Norbis e Paolo Migliorati che si occupano dell’attività di base (il primo a Salò, il secondo a Brescia). Il nuovo è Cesare Beggi, ’72, coordinatore sportivo. In passato ha ricoperto il ruolo di allenatore della formazione Under 17 del Milan, con la quale ha vinto lo scudetto 2010-11. Ha guidato la Primavera del Palermo nel biennio 2011-13, conquistando un posto nelle Final Eight. Negli anni successivi ha ricoperto il ruolo di collaboratore della prima squadra a La Spezia (2013-14), Bari (2014-15) e Ascoli (2015-16). Nell’annata 2016-17 è stato Head of Coaching nell’Accademia del Leeds.

«L’obiettivo – ha detto Strada- è avvicinare il maggior numero di ragazzi alla prima squadra. Negli ultimi tempi abbiamo lanciato Luche, Crema e Bacchin, purtroppo fermato da un grave infortunio (legamenti crociati)».

Strada rammenta la svolta rosa e la conferma del progetto «Senza di me che gioco è?» (al Rigamonti, ogni mercoledì, dalle 17 alle 19), con 2 squadre. Per quanto riguarda l’aggiornamento, previsti 4 incontri con Ivan Zauli.

Beggi ha spiegato il suo ruolo: seguire i giovani più promettenti, in modo da aiutarli a crescere a livello tattico, fisico e mentale; coordinare il lavoro degli allenatori, dando consigli e indicazioni. S.Z.