Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
sabato, 21 ottobre 2017

Feralpi Salò senza timore
per l’attacco alla «regina»

Michele Serena: due vittorie e due sconfitte per la sua Feralpi SalòDavide Voltan: l’attaccante della Feralpi Salò è originario di Padova e per lui sarà quasi un derby (BATCH)

Doppio ostacolo di alto livello per la Feralpi Salò, chiamata ad affrontare una dopo l’altra le due capolista, in testa alla classifica grazie a tre vittorie e un pareggio: oggi il Vicenza, e lunedì 2 ottobre, al Turina, il Pordenone. E l’obiettivo del tecnico Michele Serena è anche quello di raddrizzare le gambe storte della difesa, che ha subito gol per 9 gare consecutive. Alle quattro del campionato attuale, bisogna aggiungere le ultime cinque della scorsa stagione: 1-1 sabato 15 aprile ad Ancona, 4-4 con la Reggiana domenica 23, quindi il 2-1 di Pordenone, lo 0-1 col Teramo e il 2-2 al Mapei Stadium, nei play off del 14 maggio.

Al Romeo Menti, contro il Vicenza, la Feralpi Salò ha giocato appena due volte, nel 2013-14: una in Coppa Italia, perdendo 1-3, e l’altra in campionato (1-4). E anche quella odierna sarà una trasferta piena di insidie.

«IL DUELLO si preannuncia delicato – dice Simone Guerra, capocannoniere dell’intera serie C con cinque reti -, ma contro una grande gli stimoli si trovano da soli. Abbiamo i mezzi per giocarcela con tutte le avversarie». Davide Voltan, originario di Padova, annusa aria di derby: «Il Vicenza guarda in alto, ma se noi ci esprimiamo come sappiamo possiamo mettere in difficoltà chiunque». Il brasiliano Emerson invece vuole badare al sodo: «A me non interessa il bel gioco. L’importante è ottenere un risultato positivo».

«Il Vicenza è stato costruito per salire in Serie B – rimarca il presidente della Feralpi Salò Giuseppe Pasini-. I nostri ragazzi dovranno dimostrare le loro qualità, perché sono in grado di affrontare chiunque a viso aperto. Per tirare i primi bilanci aspettiamo comunque l’impegno col Pordenone».

Poi ecco il tecnico Michele Serena, al termine della rifinitura svolta a Lonato: «I ragazzi si sono allenati bene, e c’è la giusta determinazione. Dovremo avere pazienza: chiederò grande sacrificio. Se riusciremo a limitare le sbavature, potremo dire la nostra. Tra le buone notizie il rientro in gruppo dell’attaccante Mattia Marchi».

Curioso il fatto che entrambi gli allenatori siano delle bestie nere per la compagine avversaria. Serena ha incontrato il Vicenza cinque volte, senza mai perdere, e segnando sempre. Bilancio: quattro successi e un pareggio. Una volta, il 27 marzo 2010, col Mantova, ha fatto esonerare Rolando Maran; un’altra, il 30 dicembre 2012, sulla panchina dello Spezia, è stato lui a essere allontanato, benché avesse espugnato il Menti per 3-2.

ANCHE IL TECNICO dei biancorossi, Alberto Colombo, comasco di Cesana Brianza, ha affrontato la Feralpi Salò in cinque occasioni, compresa una di Coppa Italia, guidando Pro Patria e Reggiana. Ebbene, non è mai stato sconfitto. Identico lo score: quattro vittorie e un pareggio. In settimana Colombo ha ottenuto a Coverciano il patentino Uefa, assieme a Roberto De Zerbi, Dario Hubner, Marco Rossi e Vincenzo Tavarilli.

Tra i giocatori c’è Nicola Ferrari che scalpita. «Ho ottenuto un paio di rigori, ma non ho ancora segnato –ha dichiarato l’ex del Salò-. Adesso spero di sbloccarmi. Abbiamo notevoli margini di miglioramento». Intanto i dirigenti stanno trattando la cessione della società. Il responsabile del settore giovanile Gianluca Presicci è stato licenziato: decisione poi congelata, al pari dell’arrivo del suo sostituto, Lionello Manfredonia, ex Brescia.