21 gennaio 2019

Sport

Chiudi

04.02.2018

Feralpisalò, va tutto storto E la caduta in casa fa male

Un tentativo offensivo da parte di Davide VoltanAl triplice fischio finale non c’è il sorriso sui volti dei giocatori della Feralpi SalòContro il Vicenza una sconfitta che non permette un ulteriore salto in classifica
Un tentativo offensivo da parte di Davide VoltanAl triplice fischio finale non c’è il sorriso sui volti dei giocatori della Feralpi SalòContro il Vicenza una sconfitta che non permette un ulteriore salto in classifica

Sergio Zanca La rabbia del Vicenza ha prevalso sulla pacatezza della Feralpisalò, che si è svegliata soltanto dopo essere finita all’inferno. Caricati dalle disavventure, i veneti hanno iniziato col vento in poppa: 2-0 al riposo. L’arrembaggio conclusivo dei gardesani è servito solo a ridurre le distanze, e ad accrescere il rammarico per quanto poteva essere, e non è stato. Nei 45’ iniziali i verde blu pagano caro due sbilanciamenti in avanti, che consentono agli avversari di replicare con due folgoranti contropiede, sfruttati abilmente: sul primo Giorno ottiene una punizione dal limite, trasformata da De Giorgio; sul secondo Tassi fornisce un lancio prezioso a Giorno, e il centrocampista giunto in seguito alla radiazione del Modena spedisce all’incrocio dei pali. La Feralpi Salò, priva di cattiveria agonistica, commette numerosi errori, ed affoga miseramente. La ripresa regala emozioni continue. L’assalto furibondo toglie il fiato al Vicenza, che però resiste, e torna a casa con un successo prezioso. In mattinata Serena risolve il dubbio riguardante la punta da schierare a fianco di Simone Guerra. La scelta ricade su Andrea Ferretti, che non aveva partecipato alla trasferta di Fano per un indolenzimento muscolare. Proprio Ferretti provoca un paio di angoli a favore del Vicenza, che al 3’ sfiora il vantaggio. Dopo uno scambio con Comi, l’ex Nicola Ferrari sbuca in area: Caglioni è reattivo, e respinge d’istinto. Nemmeno il tempo di reagire, e gli ospiti sbloccano. Ranellucci ferma con una spallata Giorno, che ha attraversato tutto il campo senza trovare la minima opposizione. Il difensore rimedia l’ammonizione, e sulla successiva punizione De Giorgio buca la barriera, azzeccando l’angolino basso: 0-1. FERRETTI TENTA un paio di volte, con un tocco di testa, e una leggera deviazione: nessun problema per Valentini. La Feralpi Salò è piuttosto imprecisa. Sbaglia molti passaggi, e sembra poco scattante. Il Vicenza, invece, non molla la presa, e azzanna di nuovo. Su un pallone recuperato a metà campo, Ferrari lancia Lorenzo Tassi sulla destra: l’ex scaglia un pregevole traversone per Giorno, che dal limite dell’area pesca il sette. Caglioni non può francamente nulla; i padroni di casa sono frastornati, e non riescono a organizzare una valida reazione. NELL’INTERVALLO Serena cerca di riordinare le idee, e ne cambia tre (dentro Marchi, Ponce e Staiti, fuori Ferretti, Rocca e Capodaglio), oltre al modulo. Dal 4-3-1-2 passa infatti al 4-2-3-1, con Staiti e Dettori centrocampisti, Guerra, Ponce e Voltan trequartisti, Marchi torre d’area. Ma è ancora il Vicenza ad allungare. Prima Milesi impegna Caglioni con una sventola da lontano. Poi Ranellucci inciampa su Comi, che sta cadendo alle sue spalle. L’arbitro è inflessibile, e concede il rigore, che De Giorgio trasforma. Al 29’ c’è un sussulto. Su cross di Vitofrancesco, Crescenzi e Marchi si lanciano, mandando il pallone in fondo al sacco. Autorete del difensore? Gol dell’attaccante? Nemmeno le immagini Tv contribuiscono a chiarire l’interrogativo. L’assalto della Feralpi Salò è asfissiante. Gol di testa di Staiti, annullato per fuori gioco dubbio; parate di Valentini su deviazioni in acrobazia di Ponce e Ranellucci; tentativi ripetuti. Ma i buoi sono ormai scappati dalla stalla: andare a riprenderli è impresa impossibile. •

Sergio Zanca
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Palermo
37
Brescia
35
Pescara
33
Lecce
31
Hellas Verona
30
Benevento
30
Cittadella
27
Salernitana
27
Spezia
26
Perugia
26
Ascoli
25
Cremonese
23
Venezia
21
Cosenza
20
Carpi
17
Foggia
16
Livorno
15
Padova
15
Crotone
14
Carpi - Foggia
0-2
Cosenza - Ascoli
0-0
Crotone - Cittadella
0-0
Lecce - Benevento
1-1
Padova - Hellas Verona
3-0
Palermo - Salernitana
1-2
Perugia - Brescia
0-2
Pescara - Cremonese
0-0
Spezia - Venezia
Livorno - [ha Riposato]