Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 18 ottobre 2017

Tutto stravolto: subito un turno infrasettimanale

(PANNIR)

Si poteva usare la mano leggera e limitarsi a ritoccarlo ma si è deciso di rivoltarlo come un calzino. Cosa? Il calendario del girone B di Serie D, martoriato dopo il ripescaggio della Romanese e riscritto da cima a fondo con tanto di turno infrasettimanale imminente. Tutto a 72 ore dalla seconda giornata, con tutte e 4 le bresciane in campo.

Quella di ieri è stata una giornata frenetica per il Dipartimento Interregionale. A Roma si è prima esaminata la sentenza con cui il Collegio di Garanzia ha ripescato la Romanese. Poi, appurata l’impossibilità di ricorrere al Tar del Lazio contro la decisione del Coni, si è decisa la riformulazione del girone B. Morale: bergamaschi ammessi in sovrannumero, calendario riscritto. Come? Tenendo invariata la seconda giornata (eccetto il riposo allo Scanzorosciate) e rivoluzionando il resto.

MA LA PRIMA SORPRESA è stata per molti uno shock: mercoledì si gioca. Proprio così: tra meno di una settimana di nuovo tutti in campo per un turno infrasettimanale. È andata malissimo al Rezzato, che sfiderà il Crema. Maluccio a Darfo e Ciliverghe, a cui toccheranno le trasferte con Pontisola e Virtus Bergamo.

E il Lumezzane? I rossoblù potrebbero trovarsi in una situazione grottesca. Mercoledì dovranno giocare al «Saleri» contro il Trento (ore 15). Poco prima o poco dopo, però, potrebbero essere riammessi in Serie C dal Tar del Lazio, che quel giorno si esprimerà sul ricorso della società rossoblù. La decisione si presta a due possibili interpretazioni. Da un lato potrebbe condizionare il giudizio del tribunale regionale, che peserebbe su 2 campionati (C e D) con già 3 turni giocati. Dall’altro potrebbe essere l’anticipazione dell’esito negativo del ricorso stesso e, quindi, dell’iter burocratico con cui il presidente Cavagna ha chiesto il ritorno tra i professionisti.

«Certi ritocchi non dovrebbero mai avvenire dopo aver giocato una gara - commenta il direttore sportivo del Ciliverghe Eugenio Bianchini -. Per fortuna è rimasta invariata la seconda giornata».

Sconsolato Andrea Quaresmini: «Inutile commentare - dice il tecnico del Rezzato -. Meglio pensare a noi e ai rivali. Certo che il turno infrasettimanale di mercoledì...».

Massimo Frassi, diesse del Darfo, la prende con filosofia. «Tornare in campo subito? Meglio, così avremo la possibilità di fare punti».

Le modifiche hanno interessato pure il girone C di Eccellenza, che passa da 16 a 15 squadre con riposo per chi avrebbe dovuto affrontare la Romanese.