Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 agosto 2018

Sport

Chiudi

07.02.2018

Alto Sebino incerottato ma senza rete

Gianmarco Conte, 20 anni, guardia dell’Alto Sebino FOTOLIVE
Gianmarco Conte, 20 anni, guardia dell’Alto Sebino FOTOLIVE

Manuela Romele La situazione in casa continua a essere critica per l’Alto Sebino, che stasera a Pisogne riceve Desio (ore 20,30). A preoccupare non è sola la delicata situazione di classifica, con i sebini che occupano l'ultima posizione con 4 punti, frutto di sole 2 vittorie in 20 partite disputate, ma anche l'infermeria troppo affollata proprio in un momento decisivo per la stagione. In queste settimane infatti il calendario prevedeva delle sfide più alla portata della squadra di Pisogne, ma questo ha coinciso con l’assenza di giocatori determinanti com Borghetti e Mazic e con la presenza a mezzo servizio di altri, come Caversazio. Due di queste partite fondamentali, contro Palermo e Rimini, hanno già visto l'Alto Sebino arrendersi. La sfida del PalaRomele contro Desio è un’altra occasione da non perdere per i sebini per cercare di abbandonare l’ultima posizione, che significa retrocessione diretta. L’obiettivo è riportarsi in corsa per i play-out. Desio è una sorta di bestia nera per l’Alto Sebino: per 2 stagioni consecutive infatti i brianzoli hanno vinto la loro prima partita stagionale con i sebini. ANCHE in questo campionato il primo successo di Desio è arrivato alla sesta giornata proprio contro l’Alto Sebino, battuto per 58-45. Dopo aver rotto il ghiaccio i brianzoli hanno ingranatoi, raggiungendo i 20 punti in classifica, e al momento sono in striscia positiva da 2 giornate, grazie ai successi contro Olginate e Reggio Emilia. Secondo Massimo Giubertoni, quella con Desio è una partita «abbastanza complicata perchè sicuramente si tratta di una squadra molto ben allenata - assicura il coach dell’Alto Sebino -. È vero che ha vinto la prima partita con noi, alla sesta di campionato, ma poi non si è più fermata. Si tratta di una squadra che ha molte soluzioni in attacco, principalmente sugli esterni con Perez e Fumagalli, giocatori che anche gli altri fanno fatica a marcare. È la nostra bestia nera, ma mi sembra che quest’anno ne abbiamo incontrate tante, quindi non fa grossa differenza. Vediamo un attimo come riusciremo a preparare la partita, soprattutto con l’incognita legata a Mazic». La guardia, infatti, potrebbe non scendere in campo nemmeno questa sera, dopo il problema al piede rimediato a Palermo e lo stop contro Rimini, e anche il recupero di Borghetti sarà difficile. Appuntamento questa sera alle 20,30 al PalaRomele di Pisogne, per la sfida con Desio, un’altra partita fondamentale per l’Alto Sebino. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Manuela Romele
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Ascoli
0
Benevento
0
Brescia
0
Carpi
0
Cittadella
0
Cosenza
0
Cremonese
0
Crotone
0
Foggia
0
Hellas Verona
0
Lecce
0
Livorno
0
Padova
0
Palermo
0
Perugia
0
Pescara
0
Salernitana
0
Spezia
0
Venezia
0
Benevento - Lecce
Cittadella - Crotone
Cremonese - Pescara
Foggia - Carpi
Hellas Verona - Padova
Salernitana - Palermo
Venezia - Spezia
Brescia - Perugia
Ascoli - Cosenza
Livorno - [ha Riposato]