Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
15 novembre 2018

Sport

Chiudi

05.02.2018

Germani senza
Energia e si ferma
per un black out

Bruciante sconfitta per la Germani Basket Brescia. Nel Palageorge per l’ennesima volta tutto esaurito, si fa sorprendere dall’efficacia della Dolomiti Energia Trento, che pure era reduce da 4 sconfitte consecutive. E 4 sono le battute d’arresto interne di fila che il team trentino appioppa alla Leonessa, che a questo punto non può che vestire i panni dell’autentica bestia nera del Basket Brescia. Protagonista di un secondo tempo da dimenticare, la formazione bresciana incappa nel terzo stop interno di un campionato (le precedenti contro Sassari e Cremona), che comunque la vede ancora in testa alla classifica anche se non più in solitudine. Una sconfitta figlia dei tanti errori commessi, dei pochi rimbalzi catturati e della prova negativa di molti dei giocatori in maglia biancoblù. Uno stop forse inatteso, ma che una volta di più testimonia che se tutto non funziona a meraviglia, in questo torneo, il match lo si può perdere con chiunque.

DETTO QUESTO la Dolomiti Energia Trento non si comporta come una squadra qualunque. Nel primo tempo i bianconeri pensano a rallentare il ritmo, a togliere palloni giocabili a Moore e Landry e a mostrare i muscoli, opere che portano poi risultati nella seconda parte della sfida. Ma ancora una volta, caso mai ne servisse la riprova, la Leonessa mostra di rientrare in campo dopo la pausa lunga con le batterie scariche e contro Trento stavolta non serve il grande tentativo di rimonta provato sul finire dell’incontro. Trento vince meritatamente contro una Germani che esce ridimensionata dopo 40 minuti non giocati da Leonessa e le trasferte di Varese prima e Virtus Bologna dopo, nel primo turno delle F8 di Coppa Italia, non permetteranno certo di dormire sonni tranquilli. La Dolomiti Energia Trento si lancia all’arrembaggio sfruttando il grande stato di forma di Toto Forray. I primi 8 punti della squadra trentina sono tutti siglati dal playmaker argentino bravo nel bucare la difesa bresciana con due «triple» e un tiro scoccato dal cuore dell’area (5-8 al 3’). Dopo un tiro libero di Sutton che regala a Trento il massimo vantaggio esterno del primo tempo, sono una «bomba» di Marcus Landry, 4 punti dell’«incredibile Hunt» e un sontuoso canestro di capitan Moss che permettono alla Leonessa di confezionare un grande break di 9-0 che la riporta al comando della partita (14-9). Coach Buscaglia si rifugia nel primo time-out del match e alla ripresa del gioco la sua squadra mostra immediatamente di aver tutte le carte per poter giocare alla pari con la capolista. Sutton e Shields si mettono in mostra nell’area pitturata bresciana e il primo quarto premia la squadra di casa, ma Trento è in scia.

NEI 10 MINUTI successivi la Leonessa mostra gli artigli soprattutto nella propria metà campo. E in più di un’occasione Moss e compagni tentano l’allungo (26-20, 33-26), ma la Dolomiti Energia non molla niente e quando suona la sirena di metà match la Germani comando di sole tre lunghezze sul 34-31, dopo aver sprecato molto proprio sul finire del periodo. La «rottura» iniziata a due minuti dalla fine del secondo periodo continua all’inizio della ripresa, quando i bianconeri trentini piazzano un 7-0 che fa malissimo alla Germani. Pronto time out di Andrea Diana e per fortuna i suoi ragazzi reagiscono riportandosi in vantaggio sul 41-38 con un canestro di Dario Hunt, uno dei migliori. Purtroppo i 3 minuti finali del terzo quarto saranno quelli che consentiranno alla formazione ospite di prendere il largo, con la Germani incapace di individuare con celerità l’antidoto per rientrare in partita. Il 10-0 di parziale per la Dolomiti Energia e all’ultimo mini-intervallo la Leonessa dei canestri è sotto di 8 punti (43-51). Servirebbe una partenza a razzo all’inizio dei 10 minuti conclusivi, ma il Brescia stavolta delude. Gomes e Flaccadori non perdonano le leggerezze difensive della Germani, che sprofonda anche sul -11 al 33’. Effettivamente il tempo per poter recuperare ci sarebbe anche, ma non per questa Leonessa, non per la squadra vista all’opera contro Trento. Finisce con la squadra ospite che con merito festeggia in mezzo al campo e una Leonessa che non può fare a meno di leccarsi le ferite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Folco Donati
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Palermo
24
Pescara
22
Salernitana
20
Cittadella
19
Lecce
19
Brescia
18
Hellas Verona
18
Benevento
17
Perugia
17
Cremonese
15
Ascoli
15
Spezia
13
Venezia
12
Crotone
12
Padova
11
Cosenza
8
Foggia
7
Carpi
7
Livorno
5
Ascoli - Padova
2-3
Brescia - Hellas Verona
4-2
Carpi - Benevento
2-2
Cittadella - Venezia
3-2
Cosenza - Lecce
2-3
Cremonese - Livorno
1-0
Palermo - Pescara
3-0
Perugia - Crotone
2-1
Salernitana - Spezia
1-0
Foggia - [ha Riposato]