Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 18 ottobre 2017

Landry, una vittoria
nel ricordo del nonno
«Il cuore della Germani»

Un’azione d’attacco della Germani con protagonisti Marcus Landry e Michele Vitali sotto canestro (BATCH)

In attesa di vedere come cervello e gambe reagiranno alle prossime giornate, la Germani Brescia riparte dal cuore. Quello di una squadra che combatte e cerca di andare con lo straordinario oltre all’ordinario, anche perché l’ordinario al momento fa un po’ fatica ad emergere. O meglio: lo ha fatto a Pesaro, nella prima uscita stagionale di domenica, quando le difficoltà oggettive sono andate oltre a quelle preventivate o preventivabili, basate su una squadra «nuova di pacca», in cui solo capitan Ceron non rappresentava un’incognita.

In questo la squadra adriatica è stata molto brava a lavorare sui nervi scoperti della Leonessa che forse è molto più cantiere aperto di quello che si preventivava. Il cosiddetto gioco a memoria che ci si aspettava è stato messo in un angolo, dall’assenza di David Moss e dall’arrivo lastminute di Marcus Landry, in una squadra che di giocatori Usa al momento ne conta solamente 4: ma proprio dai punti deboli del proprio organico Brescia ha saputo trarre giovamento, capendo, nella fase finale di una partita tiratissima, dove andare a colpire. E chiudendosi a riccio attorno all’esempio che Marcus Landry ha saputo dare al resto dei suoi compagni: il lutto che lo ha colpito, la perdita di nonno D. Edward Eubanks, ha portato il giocatore di Milwaukee a un viaggio infinito andata e ritorno per e dagli States che avrebbe fiaccato anche un esperto globetrotter, oltre al dolore provato per l’ultimo saluto a una persona cara.

Lui ha voluto esserci: alle esequie, come in campo. Squadra e società, che non ha fatto trapelare nulla con nessuno, hanno tirato su un muro importante attorno al giocatore americano, che è rientrato in Italia la mattinata di domenica per unirsi alla squadra. «Abbiamo ammirato la sua voglia di esserci - ha commentato Graziella Bragaglio -. Come società lo abbiamo voluto lasciare libero in un momento fortemente emotivo per la persona, prima ancora del giocatore».

Un lavoro di intelligence a livello logistico, che ha portato in campo un giocatore sicuramente stanco nel fisico, ma desideroso di regalare a nonno Bishop una serata comunque memorabile. «È stato un gesto importante che rispecchia il valore del giocatore e al tempo stesso una società che mette da parte l’aspetto del lavoro e ponendo al primo posto i sentimenti di chi sta lontano da quello che è stato il mondo in cui è cresciuto ed ha vissuto per tanto tempo».

E QUELLA SCHIACCIATA, piena di rabbia (per una partita in cui Marcus non era al 100%), ha fatto saltare in piedi tutta l’Adriatic Arena, che ha applaudito il gesto atletico di un giocatore formidabile, che il pubblico bresciano ben conosce. Lenta e farraginosa in attacco, la squadra di Andrea Diana ha dimostrato di essere un team compatto, e di essere capace di essere team a tutti gli effetti: in questo si è visto qualcosa che Brescia si porta nel dna, come dimostrato dai tuffi nei minuti decisivi a cercare di recuperare palloni e centimetri, contro una squadra che non avrebbe meritato di perdere, ma che ha finito col pagare un conto salato in termini di esperienza. E soprattutto di quel «cuore» che da solo fa vincere il 50% delle partite: per il restante 50% ci sarà bisogno di un lavoro lungo ed accurato. A.B.