Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 24 ottobre 2017

Lumezzane da brividi, Iseo alla distanza

Rene Caramatti (V. Lumezzane)Marco Azzola (Argomm Iseo) (BATCH)

Ci vuole un tempo supplementare per stabilire vincente la Virtus Lumezzane sul parquet di Pizzighettone, dopo una partita dai mille canestri e dai ritmi estenuanti.

Lumezzane parte subendo l'inerzia dei primi istanti di gioco, ma può contare su un Mora in grande spolvero. Dopo aver mandato a segno Marmugi con un assist alla prima azione, segna due canestri che tengono i suoi sempre attaccati ai cremonesi. Per i padroni di casa ecco un Casali in formato serie B, che tiene a contatto Pizzighettone fino al suono della prima sirena nonostante un Marelli scatenato negli ultimi minuti (18-21 al 10'). Nel secondo quarto Lumezzane parte decisamente meglio, tanto da riuscire a dare una seria smorzata alla partita al 13', quando Marelli e Caramatti infilano una tripla ciascuno per l'allungo di nove punti (24-33). Lumezzane è in trance agonistica, anche se qualche errore di troppo di Caramatti apre la pista a Pedrini e Foti, che riescono a infilare più volte l'area della Virtus e riportarsi subito a stretto contatto (32-36 al 16'). Non dura molto questo colpo di reni, perché un grandissimo gioco di squadra degli ospiti scatena le bombe di Caramatti e Crescini, che stavolta assestano un vero e proprio schiaffo (36-51 al 19'). Ma al rientro dalla pausa lunga Presentazi e Foti riescono in un cambio di passo, anche se fino al 24' non riescono ad andare oltre il -8 (52-60) e arrivano al 30' ancora ben distanziati dai canestri di Bona e Marmugi.

L'ULTIMO QUARTO ci mette molto a rodare i ritmi, forse complice la stanchezza di una partita condotta fin qui sopra le righe da entrambe le parti. Un punticino alla volta però Pizzighettone si riavvicina sempre di più, complice una difesa che per la prima volta fa per davvero il suo lavoro: e al 35' il risultato è in sostanziale parità (83-84). Lumezzane non segna praticamente mai, anche se a questo punto il solito Marmugi decide di caricarsi in spalla la squadra e tenere la testa alta fino all'ultimo. Grazie ai suoi canestri la Virtus rimane sempre col naso avanti fino al 39' (89-93). Nell'ultimo minuto Foti però è scatenato. Dopo due liberi di Caramatti, risponde subito con un canestro e due liberi per il -2 a 19'' dalla fine (93-95). Speranzini chiama timeout per chiuderla, ma l'ultimo possesso è un buco nell'acqua e ancora Foti pareggia. E nell’over-time la parola finale ce l'ha Caramatti: dopo aver incassato il fallo da Casali, va in lunetta e con una calma olimpica segna entrambi i liberi per il 104-106.