Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
venerdì, 20 ottobre 2017

«Orzinuovi, c’è un entusiasmo senza confini»

Andrea Scanzi, 28 anni, guardia dell’Agribertocchi Orzinuovi neopromossa in Serie A2 FOTOLIVE (BATCH)

Ben 1.600 spettatori al San Filippo per lo storico debutto dell’Agribertocchi Walcor Orzinuovi in Serie A2. Il posticipo della prima giornata di lunedì sera ha assegnato i due punti in classifica a Trieste, una delle superfavorite per la promozione in serie A, ma i tifosi accorsi dalla Bassa, dall’hinterland e anche dalla città hanno potuto assistere a una bellissima partita.

PER UN SOFFIO alla matricola orceana non è riuscita l’impresa, tanto che a fine partita il tabellone mostrava uno svantaggio di sole 5 lunghezze (73-78). «Sono molto soddisfatto per la presenza di un simile numero di sostenitori - commenta il presidente dell’Orzinuovi Francesco Zanotti -, anche perché non sapevamo cosa aspettarci. Era la prima uscita al San Filippo, peraltro di lunedì che di per sé è un giorno abbastanza difficile da decifrare. Personalmente ho visto invece una bella risposta. Il pubblico era caldo e frizzante, ha anche potuto vedere un bello spettacolo. Ovviamente spiace non essere riusciti a regalare il colpaccio contro una grande del nostro campionato di A2».

Tutti i discorsi tecnici e tattici hanno viaggiato stavolta su un binario parallelo a quello dell’entusiasmo. Non è mancato nessun affezionato all’appello. E anche sui social network regna l’entusiasmo: «Dopo aver visto una tifoseria così mi auguro davvero con tutto il cuore che il S. Filippo diventi un bel fortino in questa stagione - aggiunge Zanotti -. Abbiamo deciso prezzi adatti a tutti, considerando che parliamo di Serie A2. La gradinata centrale era piena, anche la curva presentava un bel colpo d’occhio».

Nonostante gli aspetti positivi di questa casa provvisoria, a fare da contraltare c’è anche quel pizzico di nostalgia per quel PalAmbienti teatro di questi anni di tanti trionfi. Si è parlato tanto della sua ristrutturazione in questi mesi. Praticamente dal giorno successivo alle Final Four di Montecatini, con la promozione di Orzinuovi in A2, la domanda al mercato estivo è sempre stata il dove si sarebbe andati a giocare.

«Chiaramente tutti non vediamo l’ora di tornare a casa. Il PalAmbienti è il parquet sul quale abbiamo scritto la storia e i tifosi ne sono stati protagonisti. Purtroppo posso solo dire che risposte certe sull’avanzamento dei lavori ne avremo a fine mese. Comunque penso che prima della fine dell'anno il tutto avrà inizio a pieno regime».

IN TERMINI pragmatici il San Filippo potrebbe essere l’occasione per intercettare altro pubblico della città, che poi potrebbe fidelizzarsi anche in un futuro ritorno nella Bassa. D’altro canto l’Orzinuovi batte forte nei cuori degli orceani, che tra le mura del PalAmbienti hanno da sempre cantato e tifato, sofferto ma soprattutto realizzato un sogno come la promozione in serie A2.