Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 ottobre 2018

Sport

Chiudi

09.02.2018

Brescia, l’orgoglio di
Cellino «Noi, i più
giovani e italiani»

Sandro Tonali, 17 anni, centrocampista del Brescia: 3 presenze in prima squadra FOTOLIVE
Sandro Tonali, 17 anni, centrocampista del Brescia: 3 presenze in prima squadra FOTOLIVE

Gian Paolo Laffranchi Leonessa d’Italia. Ma per davvero. Il Brescia è la squadra più italiana fra le italiane: comanda la classifica per l’utilizzo dei giovani nati nel Belpaese, nel campionato Serie B. Lo dicono i numeri e il dato non è di poco conto. Attesta la direzione scelta dal club biancazzurro in questa stagione. I patemi non mancano, la strada è in salita ma è quella giusta, perché punta alla valorizzazione dei suoi ragazzi, del vivaio, di un movimento che deve rilanciarsi su scala nazionale. «Il Brescia è al primo posto per l’utilizzo in campo dei nostri giovani - sottolinea con orgoglio il presidente Massimo Cellino -. Si tratta di 8600 minuti di impiego nel complesso per quanto riguarda il girone d’andata. La nostra, insomma, è la squadra più giovane e più italiana d’Italia! E il girone di ritorno sarà ancora meglio». DAI BRESCIANI Minelli e Lancini alle colonne Bisoli e Toregrossa, i «nineties» con la V sul petto sono tanti e fanno ben sperare, insieme al primo millennial del gruppo: Sandro Tonali, classe 2000, fresco di convocazione nella B Italia (martedì a Frosinone la sfida con l’Under 20). Con questi ragazzi il Brescia può farsi valere e generare entusiasmo. E dopo le difficoltà dei primi mesi di torneo, con la panchina che è già saltata in aria due volte, ma con esiti gattopardeschi (tutto cambia niente cambia: prima Roberto Boscaglia, poi Pasquale Marino, adesso di nuovo Boscaglia), la squadra va assumendo una fisionomia definita. Quella che ha schiantato il Parma sabato, facendosi preferire ben al di là del punteggio finale (2-1). IL FUTURO è dei giovani, possibilmente italiani. Non è protezionismo, nazionalismo e nessun altro -ismo. È logica, se si pensa che chi lo fa - vedi la Germania, negli anni bui dopo la vittoria di Italia ’90 - poi vince, e prospera. Si crea attaccamento, si moltiplicano le vocazioni, all’affezione si sposano le attitudini dei giovanissimi che scelgono il calcio e non altri sport, che sentono di poter diventare parte di qualcosa di importante. E di vincente. È un discorso in prospettiva che Cellino portava avanti anche a Cagliari, dove i simboli di un’isola - da Matteoli a Zola, passando per Cossu e Sau - erano in prima linea. «È un dovere sociale e un piacere, per chi fa questo mestiere - sostiene il presidente -. E se in passato il Brescia avesse tenuto qualche suo giovane prodotto nel vivaio, oggi sarebbe a un altro livello». Si fa sempre a tempo. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gian Paolo Laffranchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pescara
18
Hellas Verona
13
Lecce
12
Spezia
12
Palermo
11
Cremonese
11
Cittadella
10
Benevento
10
Brescia
10
Salernitana
10
Perugia
8
Crotone
7
Ascoli
6
Padova
6
Carpi
5
Foggia
4
Venezia
4
Cosenza
4
Livorno
2
Ascoli - Carpi
Benevento - Livorno
Cittadella - Brescia
Cosenza - Foggia
Crotone - Padova
Lecce - Palermo
Salernitana - Perugia
Spezia - Pescara
1-3
Venezia - Hellas Verona
Cremonese - [ha Riposato]