Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 ottobre 2018

Sport

Chiudi

26.05.2018

Brescia, mercato deficitario Troppi oggetti misteriosi

Il difensore Daniele Gastaldello,  35 anni: è sceso in campo in 36 occasioni e ha segnato 2 reti FOTOLIVEFederico Furlan: 34 gare, 8 assistMauro Coppolaro: rocciosoNikolas Spalek: 2 gol e 3 assistLautaro Rinaldi: zero gol, un flopManuel Rivas: discontinuoCarlos Embalo: una delusione
Il difensore Daniele Gastaldello, 35 anni: è sceso in campo in 36 occasioni e ha segnato 2 reti FOTOLIVEFederico Furlan: 34 gare, 8 assistMauro Coppolaro: rocciosoNikolas Spalek: 2 gol e 3 assistLautaro Rinaldi: zero gol, un flopManuel Rivas: discontinuoCarlos Embalo: una delusione

Quest’anno il Brescia ha dato l’impressione di una stazione movimentata: numerosi i treni in arrivo, molti quelli in partenza. C’è chi ha imboccato il binario morto, mentre altri sono ripartiti in fretta. Mai visto un via vai simile. Al tirar delle somme, la scorsa estate il presidente Massimo Cellino ha messo sotto contratto ben 24 nuovi calciatori, cinque dei quali rientrati per fine prestito. Uno di loro, il portiere Gagno, ha imboccato la strada di Mestre, in serie C, dopo aver debuttato da titolare ad Avellino. Di tale gruppone a gennaio se ne sono andati 8, sostituiti da altri 5. Senza dimenticare i frequenti cambi di allenatore. Col risultato che, come nel 2017, la salvezza è stata raggiunta in extremis, proprio all’ultima giornata. Solo tre giocatori hanno superato il tetto dei 2 mila minuti: Gastaldello, Furlan e Coppolaro. Dieci non hanno mai avuto la soddisfazione di scendere in campo. La sorpresa più piacevole: il centrocampista Tonali, che Cellino si è ritrovato in casa, emerso nella Primavera. Con 36 presenze, e 3.127’, senza tener conto dei minuti di recupero, Gastaldello, ex Sampdoria e Bologna, è stato l’acquisto più azzeccato. Con la sua esperienza ha tenuto compatta la difesa. Trovando la via del gol con Ternana e Cremonese. Furlan, giunto dal Bari, ha cambiato spesso ruolo, da terzino a esterno d’attacco a rifinitore. Coppolaro, utilizzato nelle due giornate iniziali, è finito ai box per un lungo periodo, ricomparendo solo il 18 novembre, contro lo Spezia. Soltanto altri 6 nuovi hanno superato «quota mille»: Cancellotti, dalla Juve Stabia, Machin (di proprietà della Roma, che al mercato di riparazione se l’è ripreso, prestandolo al Pescara) , Meccariello, dalla Ternana, Longhi, dal Pisa, Edoardo Lancini, ritornato da Novara, e Curcio, peeso a gennaio dalla Fidelis Andria. PER IL RESTO, tanta gente utilizzata col contagocce. Prendete l’argentino Rinaldi, preso dal Panathinaikos. Presentato come una punta implacabile, è stato ben presto accantonato. Dopo lo 0-1 col Novara, il 14 ottobre, giorno del debutto di Pasquale Marino, è andato quattro volte in panchina, quindi silenzio assoluto, letteralmente uscito dai radar. Il difensore Bandini, ex Mantova, si è visto a Terni, per rientrare subito nei ranghi. Il mediano Di Santantonio, stessa provenienza, è passato in C a Santarcangelo. E che dire di Cattaneo, 2 presenze, preso dal Pordenone in estate, convinti di avere trovato un rifinitore guizzante, e ceduto alla Reggiana al mercato di riparazione? O del difensore Bagadur, ex Fiorentina, arrivato dal Benevento, e trasferito alla Feralpisalò, senza avere debuttato? O di due ben presto svincolati, come Dembélé, malese pescato a Laval, in Francia, e N’Diaye, senegalese nato a Milano, ex Renate? Tra gli acquisti di gennaio, il brasiliano Curcio si è messo in evidenza per gli sprint sulla fascia sinistra e, al tempo stesso, l’affanno nel chiudere gli spazi. Lo slovacco Spalek, discontinuo, ha regalato una splendida prestazione a Cittadella. Il nigeriano Okwonkwo si è dimostrato utile come carta di ricambio, lasciando intravedere potenzialità ancora inespresse. Embalo della Guinea ha deluso le aspettative, pallida controfigura dell’ala guizzante d’un tempo nemmeno troppo lontano. Del greco Konstantinidis si sono perse le tracce. Cinque stranieri che non hanno garantito il salto di qualità. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Sergio Zanca
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pescara
18
Hellas Verona
14
Palermo
14
Salernitana
13
Lecce
12
Spezia
12
Cittadella
11
Cremonese
11
Brescia
11
Benevento
10
Crotone
10
Ascoli
9
Perugia
8
Cosenza
7
Padova
6
Venezia
5
Carpi
5
Foggia
4
Livorno
2
Ascoli - Carpi
1-0
Benevento - Livorno
Cittadella - Brescia
2-2
Cosenza - Foggia
2-0
Crotone - Padova
2-1
Lecce - Palermo
1-2
Salernitana - Perugia
2-1
Spezia - Pescara
1-3
Venezia - Hellas Verona
1-1
Cremonese - [ha Riposato]