25 marzo 2019

Sport

Chiudi

09.03.2019

Brescia, un viaggio di lavoro prima della lunga vacanza

Alfredo Donnarumma, 28 anni, capocannoniere del campionato con 22 reti.È a secco da due giornate e all’andata era assente per infortunio FOTOLIVE
Alfredo Donnarumma, 28 anni, capocannoniere del campionato con 22 reti.È a secco da due giornate e all’andata era assente per infortunio FOTOLIVE

Il Brescia va lontano, a Cosenza (ore 15), ma non può andare piano. Non sarebbe sano mettere a rischio il primato in classifica prima del turno di riposo, la settimana prossima, e della pausa del fine settimana successivo. È un viaggio di lavoro prima di una lunga vacanza e il lavoro va sbrigato come il Brescia ha dimostrato di saper fare fino a un mese fa, quando in campo mordeva la partita, la metteva sui binari più congeniali: alto ritmo, alta velocità, una freccia biancazzurra esaltata dall’alta produttività offensiva a compensazione di un’impermeabilità che non c’è mai stata. PER QUESTO il Brescia non può scendere in campo per contenere. Non deve ridursi ad aspettare gli avversari, a essere cinto d’assedio come accaduto a Palermo e Padova e reagire solo dopo aver preso uno schiaffone. Ci sono anche gli avversari, d’accordo, ma piacerebbe ritrovare la vera natura della squadra, per dirla con Eugenio Corini «una prestazione da Brescia: voglioso di fare, determinato a ottenere il massimo». Soprattutto, va aggiunto, a tenere in mano il pallino del gioco. I sintomi di stanchezza contrastano con i fuochi dei finali di gara con Palermo, Crotone, Padova. Se una squadra ha poco da spendere, perché arriva alla fine in dominio? Solo la spinta dei nervi? Urgono risposte dal campo. Ma una certezza c’è: quando il Brescia gioca ed è padrone, non ce n’è per nessuno. Anche contro il Cittadella, pur nella giornata meno brillante dei bomber e di tutta la squadra, nell’ultimo quarto d’ora il Brescia, per un’ora abbondante in balia dell’avversario, ha costruito i presupposti per meritarsi il pareggio. La strada è tracciata, la paura porta da nessuna parte, anzi fa restare dove si è, che per il Brescia è la dimora storica, la Serie B, 61ª partecipazione e la speranza è che la numero 62 sia in là nel tempo. A SORPRESA, alla fine della conferenza stampa, Corini snocciola la formazione. E non ci sono sorprese. Pare di essere tornati a Zoff, Gentile, Cabrini o, restando al «Rigamonti» e dintorni, a Malgioglio, Podavini, Galparoli, portiere e terzini del Brescia promosso in A nel ’79-80. Giocano sempre quelli. E allora: Alfonso in porta, Sabelli terzino destro, Gastaldello e Romagnoli centrali, Semprini confermato sulla mancina; a centrocampo Bisoli, Tonali e Ndoj; in attacco Spalek alle spalle di Torregrossa e Donnarumma. Corini parla di alternative che mancano in questo momento, di infortunati da recuperare al meglio per lo sprint finale, le ultime 9 partite e le prime 3 sono nell’arco di 6 giorni, perché chi compila i calendari non ha presente cosa siano logica e programmazione. Ma le regole sono uguali per tutti in un campionato anomalo per il numero dispari di partecipanti e quel turno di riposo che sballa tutto. E questa Serie B si conquista con il coraggio, con le armi che il Brescia ha dimostrato fin quando ha coronato la rincorsa e tutti stavano bene. Prima di pensare alla lunga vacanza, c’è Cosenza. I viaggi di lavoro diventano un piacere soltanto a obiettivo raggiunto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Corbetta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Brescia
50
Palermo
49
Hellas Verona
46
Lecce
45
Pescara
45
Benevento
43
Perugia
41
Cittadella
40
Spezia
40
Salernitana
34
Cosenza
34
Ascoli
32
Cremonese
31
Livorno
30
Venezia
28
Foggia
27
Crotone
27
Padova
23
Carpi
22
Benevento - Spezia
2-3
Crotone - Lecce
2-2
Foggia - Cittadella
1-1
Hellas Verona - Ascoli
1-1
Livorno - Salernitana
1-0
Padova - Perugia
0-1
Palermo - Carpi
4-1
Pescara - Cosenza
1-1
Venezia - Cremonese
1-1
Brescia - [ha Riposato]