Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 ottobre 2018

Sport

Chiudi

16.04.2018

Il Brescia è sulla rotta
giusta con il volo
infinito dell’Airone

La rotta giusta verso la salvezza diretta passa inevitabilmente per il volo infinito dell’Airone. Il Brescia, e non da oggi, in zona gol dipende dal suo capitano, che a 36 anni è d’esempio per tutti. Quale giocatore, dopo un rigore sbagliato in quel modo, avrebbe reagito segnando, anzi inventando un gol fantastico? E quale pubblico, con spontaneità, a quell’errore e a una vittoria sfumata a 18 secondi dalla fine avrebbe risposto con applausi e ovazioni? LE POSSIBILITÀ biancazzurre di mantenere la categoria passano anche da questi fattori. Ed è inutile, oltre che deleterio, ragionare con i «se» e con i «ma»: se il Brescia avesse vinto, se Melchiorri non avesse segnato al 94’... Bisogna ragionare sulla realtà. E la realtà dice che il Brescia, in meno di un mese, ha conquistato 8 punti in 4 partite ed è passato dal 18° al 13° posto, dalla zona play-out, con la retrocessione diretta a una sola lunghezza, a quasi metà classifica, con 8 squadre alle spalle e, soprattutto, 4 punti di vantaggio sulla quint’ultima, il Cesena, che sabato sarà di scena al Rigamonti. A 7 giornate dalla fine, dunque, il Brescia è in linea con le ambizioni di partenza. Conforta che la squadra appaia in salute fisicamente, che anche dalla tribuna si percepisca con chiarezza che il Brescia è animato dal sacro fuoco di chi deve salvare la pellaccia e, soprattutto, che ci sia di nuovo continuità di risultati. Una continuità che va mantenuta domani a La Spezia, nel turno infrasettimanale che inizia stasera con Ascoli-Parma, e soprattutto contro il Cesena. E se al «Picco» un pari può bastare, sabato a Mompiano un successo significherebbe un passo enorme verso la salvezza, per pareggiare anche i conti con il Cesena, che all’andata vinse per 1-0 (Scognamiglio). Della partita di sabato resta impressa, soprattutto, la incredibile sequenza di episodi chiave: il rigore fallito da Caracciolo, la spettacolare girata al volo dell’Airone per il vantaggio a 9 minuti dalla fine, il pari subìto all’ultimo respiro. L’1-1 del Carpi non è stato il frutto di attacchi costanti o dell’atteggiamento rinunciatario del Brescia, bravo soprattutto con Okwonkwo a tenere su il pallone fino agli ultimi 30 secondi. Dunque, poco c’entra il cambio al 39’ del secondo tempo, un difensore (Meccariello) per un attaccante (Torregrossa). Il Brescia, partito con il 4-3-1-2, a un certo punto è passato al 4-2-4 con una variazione opposta, un attaccante (Okwonkwo) per un difensore (Coppolaro). E con l’ingresso di Meccariello è tornato al modulo precedente, non rinunciando però al suo atteggiamento. A POCHI MINUTI dalla fine, in tribuna centrale, un dirigente del Carpi si è alzato dalla sua poltroncina sconsolato. E alla notazione, quasi scaramantica, di un bresciano, «guardi che non è ancora finita», la risposta è stata «ma non vede? Qui per noi c’è più nulla da fare». La conferma che, davvero, la zampata di Melchiorri è più il frutto del destino, oltre che della somma di errori individuali nella marcatura (Curcio su Garritano, autore dell’assist; Somma su Melchiorri) e non (il tuffo di Minelli). Domani lo Spezia. Vietato rallentare ora che il traguardo è sempre più vicino. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Corbetta
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pescara
18
Hellas Verona
14
Palermo
14
Benevento
13
Salernitana
13
Lecce
12
Spezia
12
Cittadella
11
Cremonese
11
Brescia
11
Crotone
10
Ascoli
9
Perugia
8
Cosenza
7
Padova
6
Venezia
5
Carpi
5
Foggia
4
Livorno
2
Ascoli - Carpi
1-0
Benevento - Livorno
1-0
Cittadella - Brescia
2-2
Cosenza - Foggia
2-0
Crotone - Padova
2-1
Lecce - Palermo
1-2
Salernitana - Perugia
2-1
Spezia - Pescara
1-3
Venezia - Hellas Verona
1-1
Cremonese - [ha Riposato]