Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 dicembre 2018

Sport

Chiudi

08.03.2018

Il pungolo di Cellino
per Boscaglia
«Brescia vale di più»

Il presidente Massimo CellinoRoberto Boscaglia, 49 anni, allenatore del Brescia: criticato per le scelte di Perugia FOTOLIVE
Il presidente Massimo CellinoRoberto Boscaglia, 49 anni, allenatore del Brescia: criticato per le scelte di Perugia FOTOLIVE

Il messaggio di Massimo Cellino è arrivato forte e chiaro a Roberto Boscaglia: «Questo Brescia, con gli acquisti di gennaio, ora è veramente competitivo. Vale più della classifica che ha. Dunque, pretendo scelte che lo valorizzino», la summa del pensiero presidenziale. Che aggiunge: «Ma così ci siamo solo da un mese». Come dire: serve pazienza. E essere in questa posizione a fine campionato significherebbe salvezza diretta: «Ci metterei la firma», la chiusura di Cellino, in linea con l’obiettivo di partenza. Ieri il presidente era a in città ma non ha parlato con il tecnico. Ha riflettuto sulla serataccia di Perugia. Nel contesto di una serata negativa, c’è la conferma di un dato positivo: la condizione fisica è in continuo progresso. Pur facendo non a sufficienza per creare occasioni da rete (e soprattutto di rimpianto), il Brescia ha corso fino all’ultimo minuto. Ed è un dato non indifferente in un campionato come la Serie B, in cui la componente fisico-dinamica è davvero fondamentale per fare strada.

IL BRESCIA ha dimostrato di avere gambe e fiato su un campo reso pesante dalla pioggia, che da giorni flagella Perugia dopo la nevicata della scorsa settimana che aveva portato al rinvio per neve martedì 27 febbraio. Stavolta, però, la corsa non è bastata. Il Brescia dei pesi leggeri, dei giocatori tecnici e veloci è risultato penalizzato dal fango. Soprattutto gli esterni: Furlan ed Embalo faticavano a stare in piedi in un prato che, sulle corsie laterali, era un autentico acquitrino. L’aver cercato di giocare sempre con la palla a terra, con il fraseggio insistito è stato un limite. Il Brescia non ha saputo adattarsi alle condizioni del terreno e una squadra, con la guida del suo allenatore, deve riuscire a proporre un gioco efficace per ogni particolare condizione, che sia ambientale. O meglio: creare le condizioni per pungere. A penalizzare i biancazzurri è stata anche l’inferiorità numerica a centrocampo, un fattore questo che Massimo Volta, difensore desenzanese del Perugia, ha definito decisivo per il 2-0 della sua squadra. Rivedendo l’infausto recupero del «Curi» si è portati a pensare che, per il Brescia, si sia trattato di una serataccia da parte di tutti, anche se francamente si poteva fare qualcosa di più per cercare di indirizzare la partita in modo diverso. Le sostituzioni, ad esempio: dopo il primo tempo ci si attendeva qualche novità già dopo l’intervallo. Invece il primo cambio (Spalek per Embalo) è arrivato all’11’ del secondo tempo, quando Di Carmine aveva già firmato il raddoppio e i buoi erano scappati dalla stalla.

CAMBIARE con la gara ancora in bilico sarebbe stato un segnale sia per il Brescia che per il Perugia. La classifica, per fortuna, non ha risentito della batosta nel recupero: il Brescia è rimasto fuori dalla zona play-out, che dista 2 punti. La quint’ultima in questo momento è il Novara, proprio l’avversaria del posticipo di lunedì. In questo caso non si può sbagliare proprio niente. Boscaglia ha un vantaggio: conosce bene i giocatori della formazione piemontese per averla guidata nella scorsa stagione. C’è tempo, quasi una settimana, per prepararsi al meglio, per cancellare le scorie di Perugia, per imparare dagli errori e cercare di non ripeterli. È questo che chiede Cellino a Boscaglia. Il messaggio presidenziale di martedì sera è arrivato forte e chiaro. Ora tocca all’allenatore. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Corbetta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Palermo
30
Brescia
27
Lecce
26
Pescara
26
Cittadella
25
Hellas Verona
25
Benevento
22
Perugia
22
Spezia
21
Venezia
20
Ascoli
20
Salernitana
20
Cremonese
19
Cosenza
15
Crotone
13
Carpi
13
Foggia
12
Padova
11
Livorno
10
Ascoli - Cittadella
1-1
Brescia - Lecce
2-1
Carpi - Salernitana
3-2
Cosenza - Benevento
0-0
Crotone - Venezia
1-1
Foggia - Cremonese
3-1
Hellas Verona - Pescara
3-1
Palermo - Livorno
1-1
Perugia - Spezia
1-1
Padova - [ha Riposato]