Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 18 ottobre 2017

Castenedolo è Real in rimonta
Sfuma l’illusione del Toscolano

Gli undici del Real Castenedolo che ieri hanno battuto il ToscolanoIl Toscolano Maderno ha provato a resistere al Real senza successo (BATCH)

Il campo neutro di Montichiari non placa la voglia di vittoria del Real Castenedolo, che liquida in rimonta il Toscolano, intrappolato nel suo attendismo esasperato: gli ospiti, sopra di un gol e di un uomo dopo 45', hanno infatti smesso di giocare, collassando progressivamente nella loro area di rigore.

I RAGAZZI DI Zubani hanno l'enorme merito di non aver perso la concentrazione, facendo leva su un tasso tecnico superiore (Treccani, fino al cambio forzato, e Breda hanno predicato calcio) e su una «garra» inscalfibile: il premio è un successo che può essere poetica di un intero campionato.

Il match sin dai primi battiti si ciba di spettacolo: le squadre sfruttano il campo nella sua ampiezza e costruiscono occasioni con fraseggio e inserimenti. Un vibratile accentramento di Pace produce un violento destro, che sbuffa a lato di Piacentini. D'altro canto il Real abbozza una punizione beffarda con Breda, che esalta i riflessi di Zubani.

La pressione casalinga cresce: Breda imbocca alla perfezione Zara, che si vede annullare il vantaggio per un fuorigioco dubbio. Altrettanto amletico è il rigore guadagnatosi da Tahiri, trasformato dallo stesso attaccante con artigiana precisione.

Ma il Real Castenedolo subisce anche la beffa: Piacentini, infilato dal dischetto, borbotta qualcosa e un applauso (forse d'incoraggiamento ai compagni) è frainteso come sbeffeggio da Mauro, che sventola il cartellino rosso. I padroni di casa si trovano così sotto di uomo (portiere fra l'altro), e di una rete.

Nonostante la perdita in regia di Treccani, uscito per il secondo portiere, i granata continuano a condurre il gioco. Il Toscalano invece si adagia in ripartenza, ma Apollonio ciabatta malamente due contropiedi.

E LA REMISSIVITÀ non paga: Tomasotti fugge a destra e pesca il taglio di Zara, che in spaccata raffazzona il pareggio.

Il Real trova vigore, e in mischia Alessandro Salvi firma un clamoroso raddoppio.

Non solo: Riti, iracondo, esagera nelle proteste e la gara torna numericamente in parità. Il punteggio invece arride ai granata, che sfiorano anche il tris con un gran destro di Vianelli, arginato solo dalla traversa: è l'ultimo barbaglio di un match piacevole e sofferto, vinto dalla squadra più tecnica e grintosa.