Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 18 ottobre 2017

Manerbio, la rabbia è di rigore
E l’Aurora piazza il colpaccio

La Virtus Manerbio non è riuscita a contenere gli avversariL’Aurora Travagliato è andata a segno per due volte fuoricasa (BATCH)

L’Aurora sorge al «Grazioli» di Manerbio. Le Furie Rosse graffiano due volte i biancoverdi e conquistano tre punti fondamentali per procedere verso la zona nobile della classifica. Ma la Virtus schiuma di rabbia.

Perché? La formazione di Alessio Bonfiglio lamenta un rigore generosamente assegnato agli ospiti per un presunto contatto in area tra Dondelli e Zouine e protesta per un penalty non concesso ad Appiani dopo un intervento sconsiderato di Duci. Nonostante le lamentele dei padroni di casa, però, i tre punti prendono la via di Travagliato e riscrivono la classifica.

La partenza è delle Furie Rosse, che riescono ad avere un leggero predominio territoriale e provano a pigiare sull’acceleratore per costruire le chance buone per il vantaggio. La squadra ospite, però, non va oltre il possesso palla e la difesa della Virtus non corre gravi pericoli. Il primo squillo dei padroni di casa arriva al 22’, quando Zani impegna severamente Duci con una grande botta dal limite dopo una smanacciata. Ma il portiere è prodigioso nell’intervento ed evita il gol del vantaggio.

LA RETE ARRIVA invece al 41’, quando la Virtus si fa trovare impreparata in contropiede. Cazzago riesce a macinare trenta metri dalla destra quando serve Poli al centro dell’area non c’è niente da fare: 0-1.

Nei primi minuti della ripresa l’episodio contestato. Zouine va a contrasto con Dondelli e va giù. Per i padroni di casa è fallo in attacco, per gli ospiti l’esatto contrario. L’arbitro? Indica il dischetto e permette a Giampietro Cazzago di firmare il punto dello 0-2.

La Virtus accorcia con una rasoiata di Bellati solo sei minuti più tardi e poi monopolizza il gioco e assalta la porta biancorossa. Nel finale Appiani viene steso da Duci e si ripete il teatrino. I padroni di casa vogliono il rigore, gli ospiti chiedono che non venga assegnato. L’arbitro? Sorvola e regala i tre punti all’Aurora.