Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
15 novembre 2018

Sport

Chiudi

19.10.2018

Anna Danesi
e l’Italia: è l’ora
del sogno mondiale

Tutta la grinta sul volto di Anna Danesi: la semifinale mondiale è una grandissima opportunità
Tutta la grinta sul volto di Anna Danesi: la semifinale mondiale è una grandissima opportunità

Il gran giorno è arrivato. Stamattina, ore 9.10 con diretta su Rai Due, l’Italia femminile di pallavolo si gioca un posto per la finale del campionato del Mondo in Giappone: a Yokohama le azzurre sfidano la Cina campionessa olimpica. E contro le cinesi è la terza semifinale mondiale: la prima nel 2002 a Berlino e in quell’occasione furono le azzurre di Bonitta a vincere per 3-1 e poi a conquistare il titolo iridato battendo in finale gli Stati Uniti per 3-2; la seconda quattro anni al Forum di Assago, davanti a 12 mila spettatori, e in quella occasione furono le cinesi a spuntarla per 3-1 (30-28 il quarto set) per poi perdere in finale per 3-1 contro gli Usa. Da allora molte cose sono cambiate anche se nella Cina ci sono sempre le due bomber principali, vale a dire la fortissima Zhu e Yuan che a Milano misero a terra la bellezza di 48 palloni. Cambiamenti molto più marcati nell’Italia visto che di quella squadra è rimasta la sola Cristina Chirichella. Mutamenti che hanno prodotto effetti positivi già nella prima fase di questo Mondiale quando le azzurre, nel girone di Sapporo s’imposero per 3-1; un assaggio, una piccola rivincita. Ben più importante sarà la gara di questa mattina: «Siamo ultra concentrati su questa gara – ammette Davide Mazzanti, ct dell’Italia -. Conosciamo bene la Cina e abbiamo sfruttato questi giorni di pausa per riguardare le 6 partite che hanno disputato dopo la nostra prima sfida. Vogliamo limare qualche dettaglio rispetto alla gara di Sapporo. Una delle chiavi della partita sarà la gestione dei loro primi tempi perché hanno dei centrali che sono insidiosi da marcare».

PANE E LAVORO per la capitana Cristina Chirichella e per la bresciana di Roncadelle Anna Danesi chiamate ancora una volta ad un super lavoro: «Siamo pronte a scendere in campo per giocarci questa grande opportunità – dice la centrale bresciana, 198 centimetri di altezza e migliore giocatrice a muro dell’Italia -. Sappiamo il lavoro che c’è da fare e quanto sia importante il nostro rendimento sotto rete così come lo fu nella gara della prima fase (in quella partita Danesi e Chirichella fermarono otto volte le avversarie e tutta la squadra mise a segno la bellezza di 19 block vincenti). Sappiamo che il terminale offensivo principale sarà Zhu, ma non dobbiamo perdere di vista tutte le altre giocatrici». Una gara molto delicata tra due squadre che si sono ben studiate e due tecnici molto diversi tra di loro: nella Cina ci sarà ancora l’esperta Lang Pink e nell’Italia l’esordiente Davide Mazzanti (quattro anni fa c’era Bonitta così come nel 2002). La prima ricorre spesso alla panchina (contro le azzurre nella prima fase fece giocare a turno ben tredici giocatrici), mentre il tecnico azzurro si è affidato quasi sempre alle stesse sette giocatrici con qualche piccolo cambio (Cambi per Malinov in regia soprattutto in battuta e Parrocchiale per Sylla per rinforzare la fase di ricezione e di difesa).

«SAPPIAMO CHE LA CINA quando si trova in difficoltà fa spesso ricorso alla panchina – spiega Anna Danesi, 22 anni ma già al top mondiale -, ma questo non ci deve spaventare. Dobbiamo stare concentrate sul nostro gioco su quello che dobbiamo fare e prendere le adeguate contromisure su ogni giocatrice che sarà chiamata in campo». L’appuntamento per la corsa finale al secondo titolo iridato è per questa mattina alle 9.10, mentre a scaldare la platea, alle 6.40, ci sarà la semifinale tra Serbia e Olanda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Salvatore Messineo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Palermo
24
Pescara
22
Salernitana
20
Cittadella
19
Lecce
19
Brescia
18
Hellas Verona
18
Benevento
17
Perugia
17
Cremonese
15
Ascoli
15
Spezia
13
Venezia
12
Crotone
12
Padova
11
Cosenza
8
Foggia
7
Carpi
7
Livorno
5
Ascoli - Padova
2-3
Brescia - Hellas Verona
4-2
Carpi - Benevento
2-2
Cittadella - Venezia
3-2
Cosenza - Lecce
2-3
Cremonese - Livorno
1-0
Palermo - Pescara
3-0
Perugia - Crotone
2-1
Salernitana - Spezia
1-0
Foggia - [ha Riposato]