Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 20 luglio 2018

Il Palageorge riabbraccia la Serie A
con un quadrangolare extra lusso

Il Palageorge torna agli antichi fasti e mette in scena un quadrangolare superlusso con 4 squadre di Superlega a confronto a un paio di settimane al via del massimo campionato di pallavolo (si parte il 15 ottobre).

S’inizia alle 17.30 con un derby lombardo tra il Gi Group Monza e il Revivre Milano, anteprima della seconda giornata di campionato (22 ottobre) in programma a Busto Arsizio. Tra i brianzoli ci sarà Simone Buti, capitano della nazionale italiana, voluto da Julio Velasco all’Acqua Paradiso nel 2006-2007, ma da vedere anche gli schiacciatori cechi Dzavoronok e Finger, il forte opposto tedesco Hirsh oltre ai centrali azzurri Beretta e Barone. Nella squadra milanese, allenata da Andrea Giani e Matteo De Cecco, ex schiacciatore della Bipop Brescia nel 1994-95 con Andrea Anastasi come allenatore, ci sarà una vecchia conoscenza degli sportivi bresciani come Nicola Daldello, ex palleggiatore del Bedizzole (2008-09), oltre agli schiacciatori in rappresentanza di metà Europa come Cebulj (slovacco), Schott (tedesco), Klinkenberg (belga) e Abdel-Aziz (olandese).

IL SECONDO CONFRONTO (alle 20,30) metterà di fronte la Calzedonia Verona e il Bunge Ravenna e i tifosi bresciani potranno ri-abbracciare Nikola Grbic un palleggiatore che iniziò la sua carriera italiana al PalaGeorge proprio con la Gabeca all’età di 21 anni, nel 1994-95, allenata da Stelio De Rocco con un sestetto base composto da Pasinato opposto. Martinelli e Zoodsma al centro, Pippi e capitan Giazzoli in banda e in panchina Grazietti, Fabbrini, Da Roit, Molteni, Coco e Egidi e che si affermò due anni dopo (1996/97) prima di spiccare il volo verso altre grandi palcoscenici italiani. Ma se con Grbic sarà un bel tuffo nel passato, a 20 anni fa, il presente sarà il greco Djuric, schiacciatore di 211 centimetri, i centrali Birarelli e Mengozzi e il primo iraniano, Manavinezhad, a giocare in Italia. Nel Bubge Ravenna da tenere sotto osservazione gli schiacciatori Poglajen (argentino), Buchegger (austriaco), Gutierrez (cubano) e Marechal (francese).

Per assistere alle due gare il biglietto costa 6 euro, un abbonamento anche per le gare di domani (alle 15 la finale per il 3° posto e alle 17,30 per il primo) costa 8 euro. S.M.