Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
domenica, 22 ottobre 2017

Spettacolo al Palageorge:
Ravenna-Milano sono al top

Simone Buti tenta l’attacco nella sfida tra Monza e Milano FOTO SERENA CAMPAGNOLAMatteo Piano e Simone Buti: i centrali della Nazionale (BATCH)

Al Palageorge torna a vivere la grande pallavolo maschile. La sinergia tra le federazioni di Brescia, Verona, Veneto, Archeventi e TimeIn regala agli appassionati un week-end al top: a sfidarsi in un quadrangolare ad eliminazione diretta, infatti, sono Revivre Milano, Gi Group Monza, Bunge Ravenna e Calzedonia Verona. La regular season di SuperLega inizia il 15 ottobre, dunque l’allenamento congiunto ha trovato il favore di Andrea Giani che, dopo le esperienze con Slovenia e Germania, ha accettato il progetto di Revivre Milano: «Vincere o perdere queste amichevoli non è importante - commenta l’ex-Nazionale - però sono indicative sulla qualità del lavoro che stiamo facendo». La quota di giocatori della Nazionale, fra veterani e nuove leve, è notevole: da Piano, Buti, Botto, Mengozzi, all’esperto Birarelli, fino allapromessa Spirito, lanciato proprio da Andrea Giani a Verona.

UNO SPETTACOLO, insomma, già godibile dalla prima semifinale fra Milano e Monza, nella quale la Gi Group si aggiudica il primo set grazie agli strappi in battuta di Buti e Botto; Milano resta in partita grazie a Schott e soprattutto ad Abdel-Aziz Nimir, opposto olandese prontissimo a sbarcare in SuperLega. La squadra allenata da Andrea Giani, però, trova le contromisure già nel secondo set, guidata da un Matteo Piano dominante sotto rete; il muro di Monza fatica a leggere le scelte di Sbertoli, che adesso spinge molto su Schott e soprattutto su Klinkenberg: il nazionale belga firma i punti del sorpasso, mentre la fiducia accordata da Blasi a Botto viene tradita a causa di un paio di attacchi direttamente fuori. Quando Monza sembra essersi ritrovata, uno scatenato Nimir ribalta il risultato e trascina la Revivre sul 2-1. E l’ultimo set vede il successo di Milano grazie ad un super Schott nel finale.

IL DIVARIO fra Ravenna e Verona regala una seconda semifinale meno equilibrata; la squadra di Nikola Grbic vince il primo set, trascinata dall’intesa fra Spirito e Birarelli; Orduna e compagni, però, crescono nel secondo set e mettono in difficoltà la ricezione avversaria. Il parziale di 8-2 con cui si apre il quarto set preoccupa Grbic riguardo la tenuta mentale della sua squadra. Non può che essere soddisfatto Marco Bonitta, dg di Ravenna: «Una buona tappa di avvicinamento in un bellissimo palazzetto, che meriterebbe sicuramente una squadra in massima serie». La risposta del pubblico (circa 200 spettatori) dovrebbe aumentare nelle finali di oggi, con ingresso a 5 euro: alle 15.30 è in programma la finale terzo-quarto posto fra Verona e Monza, mentre alle 17.30 Milano-Ravenna decreterà il vincitore.