Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
sabato, 21 ottobre 2017

Vobarno al via: una stagione di novità

Il gruppo del Bstz-Omsi Vobarno pronto alla prossima B2 (BATCH)

Un avvio all’insegna delle novità: è quello di cui si è reso protagonista il Bstz-Omsi Vobarno, che dopo aver iniziato la preparazione ed aver accolto le ultime tre giocatrici adesso vede sempre più vicino l’inizio del campionato di B2.

Nei giorni scorsi dunque vanno registrati gli ultimi arrivi in casa valsabbina Laura Facendola (schiacciatrice) Sara Ridolfi (libero) e Martina Delfino, giocatrice di grande esperienza classe 1981: vincitrice di una Coppa Italia con Casale Monferrato, le sue più importanti esperienze sono state sempre in B1 a Perugia, Ancona, Vigolzone, Soverato, Vigevano, Carnago e a Villanterio, dove ha anche ottenuto la promozione in A2.

Con un roster totalmente rinnovato, la società bresciana si pone quindi sulla scena con tutte le migliori intenzioni e tanti obiettivi per i prossimi mesi: «Abbiamo avuto un po’ di difficoltà con il mercato -ammette il direttore sportivo Caterina Magri- perché molte giocatrici preferiscono la B1, anche se devono giocare di meno. Noi abbiamo preso dieci ragazze da fuori, tre vengono dal nostro vivaio: alcune sono giovani, altre invece sono più esperte. Speriamo comunque che possano amalgamarsi bene per provare ad arrivare lontano». L’obiettivo primario sarà quindi quello di capire le capacità tecniche di ogni giocatrice e sfruttare al meglio le loro potenzialità: «Dovremo fondere e coordinare bene il gruppo - aggiunge Caterina Magri-; molte atlete sono veramente promettenti, ed alcune di loro si allenano anche individualmente».

A lungo termine, gli orizzonti si fanno pieni di speranza: «Aspettative? Non voglio sbilanciarmi –conclude il direttore sportivo-, ma sarebbe bello puntare ai play off, o magari anche solo alle prime quattro o cinque posizioni». La determinazione comunque non manca: i risultati potrebbero vedersi molto presto.