Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
16 ottobre 2018

Sport

Chiudi

11.12.2017

Brescia in caduta libera: un altro viaggio triste

Jacopo Gustinelli, autore di una meta a Parabiago, prova un affondo  FOTOLIVE
Jacopo Gustinelli, autore di una meta a Parabiago, prova un affondo FOTOLIVE

Andrea Dimasi Nuovo viaggio lontano da casa, nuovo k.o. per il Brescia, che esce sconfitto anche sul campo del Parabiago con un pesante passivo. In gara soltanto nella parte centrale del match e capace di andare a segno con tre marcature, lo Junior deve comunque arrendersi anche contro la sorpresa della stagione e una delle più belle realtà del campionato cadetto. Chiuso il primo tempo 12-5 e risalito il punteggio fino al parziale minimo di -2, Gustinelli e compagni hanno dato solo l’illusione di poter espugnare il Venegoni-Marazzini. IN REALTÀ, in affanno per gran parte della sfida, quando i padroni di casa alzano il ritmo i biancoblù ne risentono, e una volta fuggito via nel risultato, il Parabiago è imprendibile e Brescia si scioglie come neve al sole, incassando così la sua settima sconfitta stagionale, la quarta in altrettanti viaggi lontano da casa. La scena è subito degli uomini di Francesco Mamo che si fanno strada con la fisicità e la grande qualità del loro pacchetto di mischia. Brescia resiste come può e il risultato fino al 25’ non muta. La pressione dei milanesi si fa però asfissiante, e il muro biancoblù crolla quando Albano varca l’area di meta bresciana. Passano appena dieci minuti, e a emulare il compagno pensa Schlecht, il cui guizzo porta il parziale sul 12-0. Nei minuti finali della prima frazione si vede finalmente anche il Brescia, e al primo vero affondo nei ventidue di casa, gli uomini di Pisati colpiscono: sulle sorti di una bella multifase, tocca a Gustinelli schiacciare l’ovale e riaprire la contesa. Sull’entusiasmo della meta, la Leonessa rientra in campo dal riposo con uno spirito più determinato, e dopo quattro minuti è l’avanzamento del pilone georgiano Kaikacishvili a permettere a Gazzoli di chiudere l’azione oltre i pali per la meta che solo per l’errore di Azzini dalla piazzola non vale il pareggio. Con il fiato sul collo, Parabiago torna allora a macinare gioco, e ci vogliono appena 240 secondi per allungare il divario grazie a Mikaele e a un pack che torna a togliere le castagne dal fuoco ai padroni di casa. Come nel corso della prima frazione, anche nella seconda i minuti tra il 25’ e il 35’ sono quelli che cambiano il volto del match. Sul 20-10, la doppia marcatura di Colombo e Cancro mettono le ali ai meneghini, allargando in modo definitivo il gap col Brescia che, ormai alle corde, trova la terza meta del pomeriggio di Gandolfi dopo che, sui titoli di coda, i meneghini erano saliti a quota 40 punti. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pescara
15
Hellas Verona
13
Lecce
12
Spezia
12
Palermo
11
Cremonese
11
Cittadella
10
Benevento
10
Brescia
10
Salernitana
10
Perugia
8
Crotone
7
Ascoli
6
Padova
6
Carpi
5
Foggia
4
Venezia
4
Cosenza
4
Livorno
2
Brescia - Padova
4-1
Carpi - Cosenza
1-1
Cremonese - Salernitana
0-0
Foggia - Ascoli
3-2
Hellas Verona - Lecce
0-2
Livorno - Spezia
1-3
Palermo - Crotone
1-0
Perugia - Venezia
1-0
Pescara - Benevento
2-1
Cittadella - [ha Riposato]