Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 ottobre 2018

Sport

Chiudi

17.12.2017

Calvisano domina: il cammino europeo può continuare

I giocatori del Patarò Calvisano si abbracciano e festeggiano la netta e meritata vittoria su RovigoLucchin, «Man of the Match»
I giocatori del Patarò Calvisano si abbracciano e festeggiano la netta e meritata vittoria su RovigoLucchin, «Man of the Match»

Andrea DImasi Il «classico» torna a colorarsi di giallonero e lo fa al termine della miglior prova stagionale del Patarò Calvisano di Massimo Brunello, che schianta Rovigo sotto il peso di cinque mete e conquista quel punto bonus capace di fare la differenza in classifica: ex-aequo con i georgiani del Batumi, sono infatti Morelli e compagni ad assicurarsi il primato del girone per la classifica avulsa. Un capolavoro quello realizzato dai campioni d’Italia, capaci di centrare così il primo obiettivo della stagione che li porterà, tra il 13 e il 20 gennaio 2018, ad affrontare l'Heidelberger in gara di andata e di ritorno per continuare a sperare in quel sogno chiamato Challenge Cup. Che il Patarò partisse con i favori del pronostico era noto, ma la prestazione impeccabile offerta al pubblico del PataStadium, nell’ultimo impegno casalingo del 2017, ha il dolce sapore del più bel regalo di Natale. Fin dalle prime battute in campo c’è infatti soltanto una squadra, e anche quando Calvisano si ritrova con l’uomo in meno in due frangenti differenti della prima frazione, i Brunello’s limitano i pericoli ai minimi termini, tenendo Rovigo ben distante dai ventidue di casa, e costruendo un’azione dietro l’altra. LO STADIO di via San Michele si esalta grazie al contributo offerto dal pacchetto di mischia giallonero, chiamato a riscattarsi dopo la prova opaca dello scontro diretto di un mese fa, capace di giocare alla pari con i forti avanti rossoblù e conquistare la scena per lunghi tratti del match. Per registrare il primo evento del pomeriggio, non è necessario aspettare tanto dal fischio d’inizio: sulle sorti di una touche ai cinque, Tuivaiti è trascinato oltre i pali dagli avversari e bagna il vantaggio. Lo stesso numero otto, tuttavia, torna protagonista in negativo per il giallo che il fiscale arbitro scozzese Linton gli sventola sotto il naso. La pressione di Calvisano è asfissiante, e in avvio di secondo quarto tocca a Dal Zilio incrementare il punteggio, con l’ala che varca la linea di gesso dopo un pallone in uscita da una mischia chiusa ai piedi dei pali. A impreziosire la prestazione dei gialloneri è la difesa del risultato in inferiorità numerica; rientrato Tuivaiti, tocca infatti al Man of the Match Lucchin lasciare il campo per dieci minuti, ma anche qui gli l’armata di Brunello non trema e anzi, dopo il piazzato di Novillo, in un paio di occasioni i campioni d’Italia sfiorano l’allungo decisivo: si va negli spogliatoi sul 15-0. Nella ripresa Morelli e soci non accusano il calo di forma e, dopo una prima parte di frazione a ritmo spezzato, nell’ultimo quarto di gara, con un Rovigo ormai alle corde, salgono in cattedra e tornano a colpire con le mete di Zdrilich, quella decisiva per il bonus di Susio e di Tuivaiti – splendida la marcatura del neozelandese, capace di resistere a tre cariche avversarie e di chiudere la corsa oltre i pali -, impreziosendo così una prestazione da ricordare. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pescara
15
Hellas Verona
13
Lecce
12
Spezia
12
Palermo
11
Cremonese
11
Cittadella
10
Benevento
10
Brescia
10
Salernitana
10
Perugia
8
Crotone
7
Ascoli
6
Padova
6
Carpi
5
Foggia
4
Venezia
4
Cosenza
4
Livorno
2
Brescia - Padova
4-1
Carpi - Cosenza
1-1
Cremonese - Salernitana
0-0
Foggia - Ascoli
3-2
Hellas Verona - Lecce
0-2
Livorno - Spezia
1-3
Palermo - Crotone
1-0
Perugia - Venezia
1-0
Pescara - Benevento
2-1
Cittadella - [ha Riposato]