Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 ottobre 2018

Sport

Chiudi

28.01.2018

Calvisano, resta lo scudetto: e può partire la fuga

Jimmy Tuivaiti e il Calvisano all’assalto di Reggio Emilia: una vittoria per rinforzare il primato
Jimmy Tuivaiti e il Calvisano all’assalto di Reggio Emilia: una vittoria per rinforzare il primato

Andrea Dimasi Messa da parte l’amarezza per l’uscita di scena nel Continental Shield, il Patarò Calvisano si rituffa nella realtà del campionato di Eccellenza e riprende il suo cammino verso un nuovo scudetto. E sarà Reggio Emilia, campo del posticipo del secondo turno del girone di ritorno, il luogo dove Venditti e compagni cercheranno di trovare un successo che cancelli definitivamente il doppio ko subito contro Heidelberger e faccia ritrovare ai campioni d’Italia il ruolo di schiacciasassi recitato fino a poche settimane fa. SE DA UN LATO l’eliminazione dall’Europa non ha lasciato grandi strascichi, dall’altro servirà la migliore delle prestazioni per dimenticare la prova negativa sfoderata una settimana fa contro i tedeschi. Disastrosi sul piano della disciplina e in sofferenza contro il miglior piglio dell’avversario, quello offerto da Chiesa e soci sembrava il ruolo di vittima sacrificale che di solito è interpretato dalle «piccole» quando sfidano il Patarò nel suo stadio. Ora, però, serve archiviare definitivamente i dispiaceri di Coppa e tornare a focalizzarsi sulla corsa al tricolore: unico obiettivo rimasto da qui al termine della stagione. Il calendario non aiuta; avversario di giornata è infatti la mina vagante Reggio Emilia, che al Mirabello attende l’arrivo di Calvisano per regalare il colpo di scena del week-end. Dato da tanti a inizio stagione come possibile outsider per un posto nei play-off, fino a qui Reggio ha raccolto forse qualcosa in meno di quanto ci si aspettasse. Le statistiche, tuttavia, non mentono mai, e i dati dicono che nelle ultime due stagioni sono state soltanto due le squadre capaci di conquistare il bonus sul campo amico degli emiliani: Padova e appunto Calvisano, ma basta questo a sottolineare come, se pur sconfitto, l’organico di Roberto Manghi sia uno di quelli che vende cara la pelle fino all’ultimo minuto. NEI RISULTATI del sabato, un calcio a tempo scaduto ha permesso alle Fiamme Oro di inchiodare Rovigo sul pareggio per 24-24: un risultato favorevole per il Patarò che, conservata la testa della classifica, non può sprecare la chance di cogliere un successo che incrementerebbe ad almeno +5 il vantaggio sugli inseguitori veneti. «Quello di Reggio Emilia è storicamente un campo molto ostico– spiega il tecnico giallonero Massimo Brunello alla vigilia della sfida -, in due anni solo due squadre sono riuscite a vincere con il punto di bonus, tra le quali Calvisano, e soltanto ampiamente oltre l’ottantesimo minuto. Arriviamo a disputare questa partita con qualche problema di formazione tra infortunati e indisponibili, ma questo non deve assolutamente impedirci di ambire alla vittoria. Cercheremo di costruire il gioco che sappiamo fare». Per il kick-off delle 15, il tecnico rodigino dovrà infatti fare i conti con assenze pesanti in entrambi i reparti. In mischia non saranno della sfida capitan Morelli, Zdrilich e Casolari; nei trequarti, invece, oltre ai nuovi forfait di Novillo e Paz, nulla da fare nemmeno per Casilio e De Santis, out per un infortunio al piede subito sabato scorso nel match contro Heidelberger. Dal Zilio, «retrocesso» a estremo, trascina Chiesa al centro. Tra gli avanti, senza Fischetti impegnato con la Nazionale under 20, si rivede finalmente Andreotti e sarà Leso a fare coppia con Giovanchelli e Rimpelli. Dirige il match Riccardo Angelucci, fischietto di Livorno. •

Andrea Dimasi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pescara
15
Hellas Verona
13
Lecce
12
Spezia
12
Palermo
11
Cremonese
11
Cittadella
10
Benevento
10
Brescia
10
Salernitana
10
Perugia
8
Crotone
7
Ascoli
6
Padova
6
Carpi
5
Foggia
4
Venezia
4
Cosenza
4
Livorno
2
Brescia - Padova
4-1
Carpi - Cosenza
1-1
Cremonese - Salernitana
0-0
Foggia - Ascoli
3-2
Hellas Verona - Lecce
0-2
Livorno - Spezia
1-3
Palermo - Crotone
1-0
Perugia - Venezia
1-0
Pescara - Benevento
2-1
Cittadella - [ha Riposato]