Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 febbraio 2018

Sport

Chiudi

22.01.2018

Il Brescia interrompe il digiuno e sorride

Anche l’avanti Giovanni Gandolfi tra i protagonisti della vittoria del Brescia sul Vicenza
Anche l’avanti Giovanni Gandolfi tra i protagonisti della vittoria del Brescia sul Vicenza

Andrea Dimasi Serviva un successo così per dimenticare la frustrazione provata nella prima metà della stagione. Nel giorno del debutto nella seconda fase del campionato di serie A, il Brescia schianta Vicenza al termine di un match ben interpretato. Contro un avversario capace di graffiare nelle uniche due occasioni avute all’interno dei ventidue metri di casa, e capace di giocarsela soltanto in mischia, Locatelli e compagni capitalizzano nel migliore dei modi una gara di gioco e rendimento, riuscendo a raccogliere quanto prodotto sul piano del possesso e del pressing. Battuta con merito la squadra tecnicamente più preparata del girone, coach Pisati e i suoi ragazzi possono dunque sognare una grande seconda fase. AL KICK-OFF dell’arbitro Bonato, i primi dieci minuti sono di chiaro stampo biancoblù, con i padroni di casa che sfoderano subito un timido dominio territoriale. Masgoutiere si vede annullare una meta chiara, ma a fare più male è il rovesciamento di fronte che porta Vicenza a segno: gli ospiti recuperano un pallone calciato male da Gustinelli, e nello sviluppo dell’azione è Stanica a graffiare per via laterali. Il Brescia non si perde d’animo e anzi, lo svantaggio gonfia il petto a Trevisani e compagni, che tornano a caricare a testa basta. Superato il quarto d’ora, Masgoutiere si riprende la marcatura ingiustamente annullata in precedenza e chiude nel migliore dei modi un’azione nata da una penetrazione micidiale del Man of the Match, Secchi Villa; poi, pochi minuti più tardi, è Gazzoli a farsi trovare al posto giusto al momento giusto, raccogliendo l’ovale in area di meta sulle sorti di un calcio intercettato da un compagno. Come in occasione della prima meta vicentina, tuttavia, al secondo affondo, i Rangers cambiano il volto al tabellone, con una multifase chiusa questa volta da Gastaldo. Nei secondi quaranta minuti il Brescia prende il sopravvento e a salvare il Vicenza non basta Mirco Bergamasco, che per tutto il corso della sfida sembra un lontano parente del giocatore internazionale conosciuto una decina di anni fa. Se nel gioco alla mano e in touche lo Junior conferma le buone impressioni della prima frazione, la sterzata decisiva al risultato la dà al 3° minuto quando, al termine dell’ennesima accelerazione dello scatenato Secchi Villa, Carilli supera la linea di gesso. Al termine del terzo quarto arriva anche il bonus con Rossini, bravo a sbucare tra le maglie vicentine dopo un forcing bresciano sotto i pali. Nel finale, un paio di folate degli ospiti servono solo a tenere il pubblico col fiato sospeso. •

Andrea Dimasi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Empoli
49
Frosinone
49
Palermo
43
Cittadella
41
Bari
41
Venezia
39
Cremonese
37
Parma
37
Spezia
36
Carpi
36
Pescara
35
Perugia
34
Foggia
34
Novara
31
Salernitana
31
Brescia
30
Avellino
30
Entella
28
Cesena
28
Pro Vercelli
26
Ascoli
23
Ternana
22
Brescia - Ternana
3-1
Cesena - Cittadella
0-1
Cremonese - Bari
0-1
Empoli - Parma
4-0
Entella - Pescara
0-0
Foggia - Carpi
3-0
Frosinone - Ascoli
2-0
Novara - Spezia
1-1
Perugia - Palermo
1-0
Salernitana - Pro Vercelli
0-0
Venezia - Avellino
3-1