Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
27 maggio 2018

Sport

Chiudi

29.01.2018

Il Calvisano mostra i denti e fa sorridere la classifica

Per Mortali due trasformazioni e un calcio piazzato a refertoTuivaiti, autore di una meta «pesante» nel momento più delicato del match per il Calvisano
Per Mortali due trasformazioni e un calcio piazzato a refertoTuivaiti, autore di una meta «pesante» nel momento più delicato del match per il Calvisano

Andrea Dimasi Quello di Reggio Emilia si conferma campo vietato ai sogni di conquista del punto bonus, ma il Patarò Calvisano di Massimo Brunello ne esce almeno con un successo «sporco» e sudato fino all’ultimo secondo, che vale il +5 in classifica sull’inseguitore Rovigo. IN UN MATCH caratterizzato da tanti errori e da assenze pesanti, tra le quali quella di Venditti, fermato poche ore prima della partenza per l’Emilia a causa di problemi burocratici, Chiesa e compagni sono costretti a lasciare nello spogliatoio lo smoking da capolista e a vestire i panni dei colletti blu per far loro una partita resa difficile dal carattere dei padroni di casa e complicata dall’indisciplina e dai numerosi palloni persi da Calvisano. Al Mirabello, tuttavia, i campioni d’Italia sfruttano al meglio il mezzo passo falso dei Bersaglieri e festeggiano una vittoria che, comunque andrà il big-match della settimana prossima co le Fiamme Oro, permetterà ai Brunello’s di andare alla pausa per il Sei Nazioni con almeno una fetta di primato in tasca. L’avvio di match al Mirabello è di chiaro stampo giallonero: il Patarò si presenta alla sfida mostrando al pubblico reggiano il repertorio migliore sul piano del gioco alla mano e delle accelerazioni della trequarti, e al primo vero affondo, il risultato si sblocca. La discesa offensiva di Calvisano è infatti incontenibile, e complice una difesa di casa mal posizionata, lo scarico finale premia l’ingresso in area di meta dell’ex Martani. Superato il decimo minuto di gioco, Reggio entra in partita e domina la contesa fino al termine del primo quarto. La squadra di Manghi affida la risalita alla piazzola, e lo specialista Gennari non si fa pregare per tornare a -1. Nel miglior momento degli emiliani, tuttavia, l’arbitro Angelucci si mostra fiscale nei confronti di Du Preez che, reo di aver colpito un avversario in un’azione lontano dall’ovale, mostra il giallo CON L’UOMO IN PIÙ, Calvisano risponde con cinismo e al secondo ingresso nei 22 granata, torna a colpire: l’assedio della capolista ai 5 metri dura almeno un minuto, ma nel primo varco lasciato scoperto, Tuivaiti è un killer nel tuffarsi oltre la linea, portandosi a spasso almeno quattro marcatori avversari. Sul 6-14 giallonero, e con almeno venti minuti da giocare fino all’intervallo, il Patarò chiude anticipo la sua prima frazione e torna a lasciare ovale e scena ai padroni di casa. Gennari ne approfitta per infilare un nuovo piazzato; poi, dopo la risposta del collega Mortali, a pochi minuti dal riposo Reggio raccoglie la prima e unica marcatura del suo pomeriggio, con Panunzi bravo a sciogliere oltre la linea di gesso un assedio ai pali dei suoi compagni. Nei secondi quaranta minuti la gara perde di intensità e qualità, ma quello che il Calvisano reciterà nella metà campo reggiana per almeno 35 minuti si tratterà di un monologo. Mortali inaugura la ripresa con il calcio della sicurezza, poi, occasione dietro occasione, gli uomini di Brunello mancano l’affondo che chiuderebbe la pratica. In un finale concitato, coi gialloneri costretti agli straordinari per evitare la beffa, volano anche tre cartellini gialli, ma il risultato non cambià più. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Andrea Dimasi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Empoli
82
Frosinone
71
Parma
69
Palermo
68
Venezia
66
Bari
64
Cittadella
63
Perugia
60
Foggia
57
Spezia
53
Carpi
52
Salernitana
51
Cremonese
48
Cesena
47
Brescia
47
Pescara
47
Avellino
45
Ascoli
45
Novara
44
Entella
41
Pro Vercelli
40
Ternana
37
Avellino - Spezia
1-0
Brescia - Empoli
0-2
Carpi - Cittadella
1-1
Cremonese - Venezia
5-1
Entella - Frosinone
0-1
Foggia - Salernitana
1-0
Palermo - Cesena
0-0
Parma - Bari
1-0
Perugia - Novara
1-1
Pescara - Ascoli
0-1
Pro Vercelli - Ternana
2-1