Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
domenica, 22 ottobre 2017

Parte il Calvisano campione
C’è l’esame con la matricola

Enrico LucchinIl Patarò Calvisano riparte dallo scudetto conquistato a maggio: i gialloneri difendono il titolo tricolore (BATCH)

Si alza il sipario sull’88esima edizione del campionato d’Eccellenza, massima serie del rugby italiano, che riparte nel segno del Patarò Calvisano di Massimo Brunello. Dopo aver conquistato lo scorso maggio il sesto scudetto della storia giallonera, compito di Morelli e soci è ora quello di proteggere il tricolore che campeggerà sulla divisa per i prossimi otto mesi.

CHE I BRESCIANI ripartano con i favori del pronostico, non è una novità, ma che i Brunello’s riescano a riconfermarsi con lo storico score di 19 successi in 21 partite, di cui 17 in 18 gare della regular, è invece tutto da dimostrare. A complicare i piani del Patarò, inoltre, è un debutto stagionale da grattacapo: con la conferma della tradizione che vuole la squadra campione d’Italia debuttare affrontando la neopromossa sul suo campo, avversario della prima uscita stagionale dei gialloneri saranno i Medicei, franchigia toscana con sede a Firenze, reduce dalla straordinaria vittoria nell’ultima edizione dei play-off. Nati nel 2015, per i biancorossi si tratterà del debutto assoluto in Eccellenza, ma vista la grande ambizione e il mercato estivo da prima pagina, sulle rive dell’Arno Calvisano dovrà sudare più di sette camice per mettere ko il gruppo avversario guidato da un tecnico preparato come Pasquale Presutti.

Ma in ogni caso all’ombra di Palazzo Vecchio l’arrivo di Chiesa e compagni è visto come un avvio ostico. Nel precampionato, nonostante l’ormai tradizionale ricambio di almeno 1/3 del roster, i gialloneri hanno dato l’impressione di avere tutti i numeri per primeggiare anche in questa stagione: un’annata che in ogni caso presenta molte differenze rispetto a quella chiusa la scorsa primavera, iniziando dalle nuove regole che disciplinano una condotta diversa in mischia chiusa, per quanto riguarda tallonaggio e segnale dell'arbitro. La grande novità, tuttavia, resta l’assenza di retrocessioni, una scelta necessaria per riportare il campionato a dodici squadre a partire dal prossimo campionato; allo stesso tempo, le grandi manovre di mercato estive e l’assenza di patemi salvezza, promettono di rendere questa edizione dell’Eccellenza una delle stagioni più belle di sempre.

SERVE PERÒ FARE un passo per volta, e il primo paletto dei gialloneri resta l’appuntamento delle 16: «Sappiamo che sarà una gara piena di insidie – dice Massimo Brunello -. Affrontiamo una squadra che si è rinforzata con numerosi giocatori di qualità, e da neopromossa metterà in campo entusiasmo e determinazione. La mia squadra, tuttavia arriva con la stessa ambizione avuta nello scorso campionato, e vuole affrontare questa sfida con umiltà e con l’attenzione giusta. La chiave del match potrebbe essere la velocità che riusciremo a mettere nei punti di incontro nella fase di attacco».

Nella formazione titolare chiamata a conquistare i primi punti della stagione, l’allenatore veneto lancia quattro new-entry: nei trequarti chance dal primo minuto per l’ala Balocchi e, soprattutto, per la coppia di mediani Mortali-Casilio. In prima linea, con Rimpelli e Giovanchelli, spazio a Leso. Kick-off alle 16, arbitra Manuel Bottino di Roma.