Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
lunedì, 11 dicembre 2017

Un Brescia giovane e forte
«Alte le nostre ambizioni»

Corre il Brescia verso l’inizio della prossima stagione: domenica l’esordio a Verona (BATCH)

Ringiovanito nel roster e con uno staff tecnico ormai consolidato, il Brescia di Marco Pisati e della presidentessa Federica Montanarini si presenta ai nastri di partenza della nuova stagione del campionato di serie A con grandi aspettative.

NELL’ESTATE all’ombra dell’Invernici, sono stati tanti i movimenti di mercato che hanno profondamente scosso la rosa, rimasta orfana di elementi del calibro di Omar Mambretti e soprattutto di Diego Antl, ceduto in Eccellenza alla Lazio, e ricostruita sulle basi di tante giovani pedine di talento e buone speranze come Alessandro Casali e Gabriele Azzini. Tuttavia, a non cambiare mai è sempre l’obiettivo stagionale, e cioè il raggiungimento di quel Pool Promozione sempre agguantato nelle tre stagioni successive alla riforma del torneo cadetto.

Da una rivoluzione a un’altra, quella che inizierà tra pochi giorni sarà un’altra serie A ricca di novità sul piano del regolamento: tra il blocco delle retrocessioni e due promozioni in palio, la stagione è infatti una delle edizioni più atipiche degli ultimi anni, ma in via della Maggia l'entusiasmo è alto. «Abbiamo grandi aspettative – spiega la presidentessa Federica Montanarini -. Vogliamo fare meglio dello scorso anno, perché il nostro obiettivo è quello di migliorarci sempre. Tanti credono che la mancanza di retrocessioni sia un pretesto per giocare senza motivazioni, ma noi non siamo di questa idea, anzi, questa può essere una scusa per osare di più e per cercare di ottenere qualcosa d’importante. Abbiamo una rosa molto giovane, ma è giusto dare spazio e fiducia ai talenti del domani. La loro presenza in squadra, inoltre, è un motivo per creare concorrenza con i veterani: non importa da quanto tempo un giocatore faccia parte di questa squadra, qui vige la meritocrazia».

LA STRADA VERSO l’ingresso nel pool che conta inizia domenica nel difficile test contro il Verona e proseguirà la settimana successiva con il debutto interno contro il Colorno; dopo gli incroci con le due super favorite del girone, è lecito aspettarsi che la Leonessa si giochi il terzo posto contro Milano, Parabiago, e con il Noceto.

Una promozione in più in palio può essere un pretesto per cercare il colpo gobbo, ma Marco Pisati, tecnico dei biancoblù, preferisce partire con cautela: «Ci aspetta un campionato molto difficile – spiega l’allenatore -, e le prime due gare contro Verona e Colorno, come un anno fa, sono un inizio tosto. A differenza della stagione scorsa, tuttavia, abbiamo a disposizione quattro partite casalinghe su sei prima della lunga pausa nel mese di novembre. E’ qui che dovremo farci trovare pronti per raccogliere i punti necessari – suona la carica l’allenatore del Brescia -. Il nostro obiettivo resta sempre la qualificazione al Pool Promozione».