Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
26 settembre 2018

Sport

Chiudi

16.04.2018

Sarri ha peccato di coraggio Premiata la scelta di Allegri

Il Napoli, bloccato sul pari al Meazza dal Milan, s’è consegnato alla Juve che ha battuto la Sampdoria portando a 6 lunghezze il vantaggio sui partenopei. La sfida diretta del 22 aprile, a Torino, assume contorni sbiaditi rispetto alle attese di qualche tempo fa. Ai bianconeri può andare di lusso anche un pareggio in forza del successo dell’andata. Ma c’è da chiedersi se il Napoli delle ultime due giornate è in grado di impensierire gli uomini di Allegri, vicini alla conquista del settimo scudetto di fila. Una storia prevedibile, forse, ma non annunciata. La banda di Sarri sembrava in grado di ripetere i fasti di Maradona, invece s’è persa per strada abdicando prima alla Coppa Italia, poi alle coppe europee, infine al campionato. Oddio. Per la matematica è tutto possibile, per l’attualità è differente. Una settimana fa Milik e Diawara avevano rimediato la situazione con il Chievo, in vantaggio fino a un minuto dal novantesimo. Ieri il centravanti polacco, subentrato al 66’ al posto d’uno spento Mertens, è stato vicinissimo al gol. Ma stavolta Donnarumma ha deviato la palla in angolo festeggiando la parata come succede solo a chi segna gol decisivi. E la squadra partenopea, fino a quel momento pericolosa solo in una occasione con Insigne, s’è rassegnata. Sarri, pur avendo portato il Napoli a giocare un calcio spettacolare, poteva ottenere di più da un gruppo diviso fra titolari e riserve. S’era visto che Milik fosse in progresso, perché lasciarlo in panchina fino a metà ripresa? E perché insistere su un modulo ormai conosciuto anche in Groenlandia invece di azzardare uno schema più coraggioso con il trio delle meraviglie dietro a Milik? Logico che i titolarissimi arrivassero in primavera con le pile scariche. E di questo il tecnico è responsabile. Una cosa è giocare di fraseggio in velocità, un’altra farlo a ritmi bassi. Sarebbe ingiusto limitare i meriti del Milan che ha affrontato il Napoli alla pari e alla pari ha chiuso il confronto. Al Meazza il gap di 25 punti, quelli che risultano in classifica fra le due squadre non si sono visti. In una gara priva di emozioni, la palla-gol fallita da Kalinic si annulla con quella di Milik neutralizzata da Donnarumma. Al contrario la Juve, reduce dalla beffa di Madrid, non ha perso l’occasione di affondare il colpo con la Samp e di allungare sui rivali. A differenza di Sarri, che ha peccato di idee e di coraggio, Allegri ha vinto la partita inserendo Douglas Costa al posto dell’ infortunato Pjanic schiacciando gli avversari sotto il peso di un 4 - 2 - 4 impreziosito dalle giocate dell’ultimo arrivato, Douglas Costa. Il brasiliano, pochi secondi dopo il suo ingresso, ha confezionato l’assist per Mandzukic e nella ripresa s’è ripetuto. Lui sa sempre dove inviare il pallone. Ecco perché Allegri ha sempre avuto fiducia in questo giocatore. Delle scorie di Champions League si sono viste labili tracce. Piuttosto s’è vista la forza di una squadra che, al di là dell’eliminazione in Champions, ha battuto il Real sul suo campo per 3-1. Qualcuno forse se l’era dimenticato. Povera Inter. A Bergamo è rimasta a secco per la terza volta. Aveva fatto di peggio nel 2012 con Roma, Novara, Bologna e Napoli. Se Perisic ha mancato un paio di palle gol, Icardi non ha avute da battere in rete. Forse è il gioco che manca. Poco migliore la prestazione di Roma e Lazio in un derby che s’è acceso solo nel finale con tre conclusioni di Dzeko e due contropiedi della Lazio con un uomo in meno. Entrambe le squadre con la testa alle coppe, col distinguo che i giallorossi avevano firmato l’impresa del secolo mentre i cugini si erano persi a Salisburgo.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Hellas Verona
13
Pescara
11
Benevento
10
Cittadella
9
Lecce
8
Palermo
8
Cremonese
6
Brescia
6
Crotone
6
Salernitana
6
Spezia
6
Ascoli
5
Padova
5
Perugia
4
Carpi
4
Venezia
3
Cosenza
2
Livorno
1
Foggia
-5
Brescia - Palermo
2-1
Cittadella - Benevento
0-1
Cremonese - Cosenza
Foggia - Padova
Hellas Verona - Spezia
2-1
Livorno - Lecce
0-3
Perugia - Carpi
0-1
Pescara - Crotone
2-1
Salernitana - Ascoli
1-1
Venezia - [ha Riposato]