Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 ottobre 2018

Sport

Chiudi

02.12.2009

Zoratto diventa cuore Toro


 Daniele Zoratto, 48 anni, vive a Brescia: ha allenato  il Modena in B
Daniele Zoratto, 48 anni, vive a Brescia: ha allenato il Modena in B

Strano il calcio, un po' come la vita. Domenica pomeriggio Daniele Zoratto, nome noto del pallone e bresciano adottivo, era ospite di «Punto Stadio», su Brescia Punto Tv. Per commentare in diretta Reggina-Brescia, certo, ma anche per parlare dei temi principali della serie B: per esempio, il tracollo del Torino Grande Favorito, che stava esonerando Stefano Colantuono per affidarsi a Mario Beretta. Nemmeno sospettava, Zoratto, che Beretta, suo amico e suo collega, gli avrebbe telefonato. «Vieni con me a Torino a fare il vice?». Zoratto ci ha pensato su, ci ha dormito (poco: 2 ore) sopra, e lunedì mattina è salito in auto. Direzione Torino, chiaro.
«Non me l'aspettavo – ammette Zoratto -. Quando sabato mattina mi avevano premiato con la Panchina d'oro, in Comune, pensavo che avrei meritato di più, un Divano d'oro... Da tempo avevo staccato la spina. Mi divertivo a commentare le partite in tv, a giocare con Renato Damonti e gli amici del giovedì sera. Invece...».
ZORATTO non è certo un principiante. Quarantotto anni compiuti a novembre, ex centrocampista del Brescia e del Parma, una presenza con la nazionale di Sacchi, già tecnico della Voluntas, di Giovanissimi e Allievi del Brescia, poi del Modena in B. Adesso, vice-allenatore del Torino al fianco di Beretta, come ai tempi di Parma. Da allora sono passati 4 anni.
«Avevo già deciso di non fare più il primo allenatore dopo l'esperienza infelice a Modena», svela il tecnico nato in Lussemburgo. E non a caso, il mese scorso, Zoratto aveva rifiutato il Bellinzona (ora allenato da Alberto Cavasin). «Il richiamo del campo l'ho sempre sentito e so che con Beretta si fa gioco di squadra».
Zoratto non trasloca definitivamente: «La mia base rimane Brescia – assicura -. Intanto ho firmato un contratto annuale con opzione per il rinnovo, in caso di promozione. Non si può prescindere dalla serie A. Qui è tutto organizzato, la squadra è forte... Ma la pressione c'è. Non penso ancora al confronto con il Brescia, abbastanza lontano. Di sicuro mi emozionerò, ma al momento sono concentrato sul presente, sul Gallipoli da battere al debutto. Se non vinciamo subito, è dura». G.P.L.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pescara
15
Hellas Verona
13
Lecce
12
Spezia
12
Palermo
11
Cremonese
11
Cittadella
10
Benevento
10
Brescia
10
Salernitana
10
Perugia
8
Crotone
7
Ascoli
6
Padova
6
Carpi
5
Foggia
4
Venezia
4
Cosenza
4
Livorno
2
Brescia - Padova
4-1
Carpi - Cosenza
1-1
Cremonese - Salernitana
0-0
Foggia - Ascoli
3-2
Hellas Verona - Lecce
0-2
Livorno - Spezia
1-3
Palermo - Crotone
1-0
Perugia - Venezia
1-0
Pescara - Benevento
2-1
Cittadella - [ha Riposato]