giovedì 24.04.2014 ore 20.08

Brescia TV
Google+ Feed RSS

Cronaca

12.07.2009

Maturità: ecco i primi risultati

ESAMI. Negli istituti cittadini sono stati esposti i primi tabelloni. In alcune scuole, però, gli orali non sono ancora ultimati. Bisognerà attendere la prossima settimana
Al liceo scientifico fioccano i cento: sono trentotto tra Calini (21) e Copernico (17). Ben cinque le lodi

  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia

Gli occhi sono tutti sui tabelloni, che sono tornati nell'atrio delle scuole dopo l'assenza dell'anno scorso. I ragazzi si affannano, sgomitano, vogliono sapere come sono andati gli esami di maturità loro e quelli dei loro compagni. C'è chi tira un sospiro di sollievo, i professori sono stati più clementi del previsto. C'è chi invece si cruccia per quel punto in meno e pensa che poteva anche andare meglio. Ma tant'è, la prova più difficile è terminata e ora arriva il premio più atteso, le vacanze.
IN MOLTE SCUOLE cittadine gli orali della maturità sono terminati nelle scorse ore, tra venerdì e ieri mattina. Quasi ovunque i risultati sono stati già esposti o lo saranno tra lunedì e martedì anche se in qualche scuola, per esempio il «Gambara», dicono che il quadro completo non sarà disponibile fino a mercoledì o giovedì. Nelle segreterie sono ore di super lavoro per mettere a punto gli ultimi dettagli. Uno sguardo ai risultati rivela che il livello è più o meno quello riscontrato agli scritti. In pochi sono riusciti a fare un balzo significativo. Per la maggiore vanno i voti sotto l'80 anche se come al solito gli studenti «eccellenti» non mancano. Al «Calini» sono 21: c'è pure una lode, e classi dove i diplomati a pieni voti sono addirittura tre. Al «Copernico» sono invece 17 ma ben quattro le lodi. All'Istituto Tecnico e commerciale «Abba - Ballini» il massimo lo hanno preso solo in quattro (metà nella 5D Mercurio, metà nella 5A Ser), due all'Ipsia Fortuni e quattro pure al liceo artistico «Olivieri». Al «Golgi», l'istituto professionale di via Rodi, i voti solo in pochi casi superano l'85 , ma ci sono tre cento.
SI SA CHE ALLA MATURITÀ i bocciati non fioccano mai, ma nel caso di queste scuole il numero è davvero esiguo. Sono due al «Copernico» mentre l'«Abba» fa il pienone con 11. Sui tabelloni viene indicato soltanto l'esito negativo, senza il voto né il nominativo dello studente bocciato. Per ragioni di privacy. Qualcuno dice che in pochi siano stati respinti, perché la selezione è stata fatta prima degli esami. «A me non risulta che ci siano state stragi, né prima né dopo - spiega il preside del Leonardo e dell'Arnaldo Salvatore Lo Manto -. È brutto dirlo, ma che ci sia qualche bocciato è "fisiologico"».
Natalia Danesi


Natalia Danesi