mercoledì 16.04.2014 ore 09.06

Brescia TV
Google+ Feed RSS

Provincia in primo piano

19.08.2011

Undicenne morso da vipera: è grave

VEZZA D'OGLIO. In osservazione a Esine. Il bambino è residente a Temù. E' il primo caso dell'estate 2011

Una vipera

<p>Una vipera</p>
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenti 0

Vezza d'Oglio. Paolo, undici anni di Temù, ieri alle 18 è stato morsicato da una vipera. Si tratta del primo caso estivo in provincia, come riferisce il «118» di Brescia che ha coordinato i soccorsi.
Lo scolaro è stato trasportato in «codice rosso» all'ospedale di Edolo e in serata trasferito a Esine. E' in osservazione, ma non in pericolo di vita, costantemente monitorato dal personale medico.
Il fatto è accaduto a Vezza d'Oglio. Il ragazzino stava camminando tra via Stella e via Vaiana a poca distanza dal fiume Oglio, quando il rettile lo ha morsicato a una gamba. Subito Paolo ha avuto la nausea e si è capito che era stato morso da una vipera.
Immediati i soccorsi coordinati dalla sala operativa del «118» che ha inviato l'ambulanza di Edolo. Non trattandosi si un'emergenza, non era necessario far decollare da Brescia l'eliambulanza.
All'arrivo in ospedale è iniziata la profilassi, come avviene nei casi di morsicatura di una vipera, l'unico rettile velenoso presente in Italia (solo in Sardegna le vipere sono assenti).
Sino a qualche anno fa nelle farmacie veniva venduto il siero antivipera, che si teneva in frigorifero e si portava nello zaino, se si andava a funghi o nei boschi. Oggi - spiegano al «118» - il siero si usa solo nei casi limite e può essere somministrato anche dopo ore dal morso, ma solo da un medico. Generalmente il veleno viene aspirato con una pompetta. Non si ricorre più, anzi ora è controindicato, il laccio emostatico. Idem incidere il braccio, la mano o il polpaccio dove si è stati punti; è sconsigliata anche la pratica di succhiare e sputare il sangue misto al veleno. Importante è rimanere calmi, chiamare un adulto, se si è soli, o il «118», e attendere l'arrivo di un'ambulanza, oppure farsi accompagnare al Pronto soccorso.
Le statistiche nazionali riferiscono di 300 casi all'anno in Italia. Consigliata la massima attenzione quando si va a funghi. Tra l'erba può sempre annidarsi una vipera. Ma è sufficiente agitare un bastone per farla fuggire prima di cogliere il porcino.F.MO.

Commenti 0

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.