Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 novembre 2014

Sport

Chiudi

22.04.2011

Con Borgonovo per un altro calcio alla sla

SOLIDARIETÀ. Il 26 maggio al «Rigamonti» un evento benefico
E domani sera allo stadio gli alunni della scuola media Franchi in campo con la maglietta «Io tifo positivo»


 I ragazzi della Franchi con i promotori di «Io tifo positivo». FOTOLIVE
I ragazzi della Franchi con i promotori di «Io tifo positivo». FOTOLIVE
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia

Il 3 aprile 2009 al «Rigamonti» c'erano 7.000 paganti e 2.000 bambini per Brescia-Milan vecchie glorie. La risposta dei bresciani all'appello contro la «stronza» come Stefano Borgonovo chiama la Sla, la Sclerosi laterale amiotrofica, la malattia che da 6 anni lo ingabbia in una sedia rotelle.
La Fondazione Milan e il Brescia torneranno a Mompiano il 26 maggio per un torneo di calcio 7 che coinvolgerà alcuni giocatori di oggi (hanno già aderito Seedorf e Zambelli) e vecchie glorie di Brescia, Milan, Inter e Juventus. L'incasso alla Fondazione Borgonovo per la ricerca sulla sla.
L'evento è stata rivelato a margine di un'altra iniziativa, «Io tifo positivo», a cura di Comunità Nuova, la onlus milanese guidata da don Gino Rigoldi, che intende coinvolgere gli alunni delle scuole elementari e medie sul concetto di educazione al «tifo per lo sport». «Io tifo positivo», partita nel 2005, è «nel segno di Candido», ovvero Candido Cannavò, il direttore della Gazzetta dello Sport che aveva sposato con passione il progetto.
Il Brescia ha portato come testimonial Marco Zambelli: «Sono orgoglioso di far parte di una società come il Brescia, che aderisce a questo tipo di iniziative - le parole del terzino biancazzurro -. Ho avuto modo di girare per le scuole della provincia, ho notato che i giovani hanno bisogno di gente che trasmette loro valori».
A fare gli onori di casa Silvia Corioni: «Io tifo positivo vuole trasmettere gli ideali di una sana competizione - le parole della responsabile eventi e marketing del Brescia -. Abbiamo aderito con convinzione al progetto».
La scuola bresciana scelta è la media cittadina Franchi. I cui alunni seguiranno lezioni su concetti come fair play, razzismo, tifo corretto e rispetto dell'avversario tenute da figure rappresentative. E domani sera i ragazzi della «Franchi», presenti a Coccaglio, indosseranno la maglietta verde di «Io tifo positivo» allo stadio.
L'iniziativa, cui hanno aderito anche Milan, Inter e l'Armani jeans di basket, prevede la presenza negli stadi dei ragazzi, oltre 2.000 quelli coinvolti nel progetto, insieme alle famiglie, e tornei in cui la squadra sarà per metà in campo a giocare e per metà sugli spalti a fare il tifo. V.C.

Il meteo

Brescia

Agenda

Concerti
Concerto Lirico - arie d'opera
Il Conceto Lirico presenterà arie d'opera di G.Verdi, ...
Incontri
Eu Robotics Week
Informazioni

Multimedia

Brescia.Tv live

Tweet vip

Facebook

Sondaggio

Sei favorevole alla raccolta differenziata dei rifiuti?
Cassonetti
ok