Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
giovedì, 14 dicembre 2017

Bagnolo Mella si prepara
all’ultimo abbraccio
a Marinella Pellegrini

Marinella Pellegrini è stata uccisa a Brescia dal marito lunedì sera (BATCH)

Ieri la comunità di Bagnolo Mella ha accolto la salma di Marinella Pellegrini in attesa dell’ultimo abbraccio. Chi l’ha vista nascere e crescere, diventare donna dovrà accompagnarla nell’ultimo viaggio fissato per domani alle 14,45. Sarà il cugino, parroco nel paese della Bassa, a celebrare i funerali della 55enne uccisa dal marito. La camera ardente allestita nella cascina dei genitori in via Offlaga è stata meta per l’intera giornata di un pellegrinaggio di amici e conoscenti.

IN FORMA PRIVATA a Palazzolo, per volontà dei familiari, si svolgeranno i funerali del marito Paolo Piraccini che lunedì scorso, in un appartamento di via Cefalonia, in città, con un coltello ha ucciso la coniuge prima di suicidarsi schiantandosi volutamente contro un Tir.

«HO UCCISO Marinella e adesso vado ad ammazzarmi», aveva gridato al telefono chiamando il cognato, con la voce rotta dall’emozione Paolo Piraccini mentre si dirigeva verso il casello di Ospitaletto alla guida della sua Audi A2. Alle 23.20, un’ora dopo la tragedia familiare, Piraccini che a Palazzolo gestiva un bar tabaccheria dopo aver condotto per anni una pizzeria, si è ucciso. Una coppia in crisi, un dramma annunciato. Lei voleva lasciarlo. Due anni fa erano iniziati i problemi in concomitanza con una grave malattia che il marito aveva però superato.

Paolo Piraccini, 56 anni, ha impugnato durante la lite un coltello e ha sgozzato la moglie in cucina. Marinella Pellegrini è stata trovata a terra dai carabinieri e dai pompieri in un a pozza di sangue. Una vicenda conclusa a livello giudiziario con la morte dell’omicida.

La magistratura e i carabinieri attraverso i tabulati telefonici stanno accertando chi ha avuto contatti la sera della tragedia con l’assassino che nei giorni precedenti a Palazzolo aveva manifestato la volontà suicida e di ammazzare la moglie.F.MO.