Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 18 luglio 2018

Il rilevatore del traffico
messo fuori uso dai vandali

L'altra notte è stato sabotato il rilevatore del traffico in via Urne a Bagnolo Mella: forzata la serratura, il dispositivo è stato strappato dalla nicchia e reso inutilizzabile. Il sindaco Cristina Almici non ha dubbi: «Non si è trattato di vandalismo fine a se stesso, ma di un raid frutto della tensione che sta accompagnando la riorganizzazione della viabilità decisa dal Comune per liberare dalla morsa dei mezzi pesanti l'angusta e pericolosa via Gramsci». Si tratta dell'ennesima manomissione dell'apparecchio «che sta raccogliendo i dati sui flussi di traffico che sottoporremo al Tar, chiamato a pronunciarsi sul ricorso contro l'ordinanza che vieta il transito dei camion provenienti da Brescia in via Gramsci presentato dal Ctb. Non punto il dito contro nessuno - incalza il sindaco - ma il legame fra i sabotaggi e il clima di esasperata protesta di chi si oppone al provvedimento comunale è evidente. Eppure la nostra ordinanza ha portato ad un abbattimento dell’inquinamento, che in via Gramsci è diminuito addirittura del 78%, mentre in via Leno è sceso del 24%».C.REB.