CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

30.06.2015

Scontro frontale sul rettilineo In fin di vita una motociclista

La Honda 600 catapultata fuori strada dopo lo scontro frontale
La Honda 600 catapultata fuori strada dopo lo scontro frontale

È ricoverata in condizione disperate all'ospedale Civile di Brescia una delle due donne coinvolte, ieri pomeriggio, in uno spaventoso incidente a Bagnolo, sulla strada provinciale 45, poco distante dall'abitato.A SCONTRARSI frontalmente sono state un'auto e una moto, una pesante Honda 600 da strada, guidata da una donna di 45 anni residente a Prevalle, R.F. le sue iniziali. È stata proprio la motociclista ad avere la peggio: sbalzata dopo l'urto, ha subito traumi molto gravi al torace e al capo, riportando anche una frattura cranica nonostante indossasse il casco. Troppo violento lo schianto: la donna è in coma.Sotto choc, ma quasi illesa aq parte qualche contusione, anche la giovane donna al volante dell'auto, una Citroen C3 guidata da D.G., una 21enne di Pontevico. La vettura però è uscita semidistrutta dallo scontro con la moto: il musetto del veicolo è andato in pezzi, facendo addirittura collassare il motore.L'incidente è avvenuto alle 15.55, sul rettilineo in uscita dalla rotonda, in prossimità del supermercato Conad. Sul posto, con la Polizia locale coordinata dal comandante Nicola Caraffini, sono arrivati i mezzi di soccorso.L'ELICOTTERO ha portato la 45enne al Civile di Brescia, dove è ora ricoverata in terapia intensiva: la prognosi è riservata e le sue condizioni sono estremamente gravi.Medicata a Manerbio per lievi contusioni la 21enne.La dinamica dell'incidente è in corso di accertamento: si è potuto soltanto appurare che, al momento dell'impatto, la moto provenisse dalla rotonda in uscita verso Brescia, mentre l'auto procedeva in entrata verso Bagnolo. Una distrazione da parte di una delle due donne, o forse qualche causa imprevedibile, come un malore alla guida, ha fatalmente provocato lo scontro frontale.DI SICURO l'impatto è stato violento: non si spiega altrimenti come una moto, per quanto pesante, abbia potuto fare letteralmente a pezzi tutta la sezione anteriore di un'automobile.In ogni caso è presto per attribuire eventuali responsabilità. Su disposizione dell'autorità giudiziaria, la Polizia locale ha proceduto al sequestro penale dei due veicoli per un più accurato accertamento dei fatti.Ma intanto, soprattutto, dita incrociate per la donna che in ospedale sta lottando tra la vita e la morte.

Valentino Rodolfi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1