Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
domenica, 18 novembre 2018

Ancora in Rianimazione il motociclista di Calcinato

La Polizia locale della Valtenesi, intervenuta con i soccorritori

Sta ancora lottando per la vita, in prognosi riservata al Civile di Brescia, il ragazzo di 24 anni di Calcinato, R.M. le sue iniziali, protagonista suo malgrado del terribile incidente di lunedì pomeriggio a Padenghe, in via Mazzardi lungo la Sp4, la strada che in salita porta a Bedizzole e in discesa ai Barcuzzi di Lonato. IN SELLA alla sua moto Honda Cbr 600 si è schiantato frontalmente con un furgone Renault guidato da un 37enne, sotto shock dopo l’incidente ma illeso: la dinamica dell’accaduto è al vaglio della Polizia locale della Valtenesi, intervenuta per i rilievi. L’allarme è stato lanciato da un automobilista di passaggio intorno alle 15.30: il giovane avrebbe fatto tutto da solo, prendendo troppo larga la prima curva a destra mentre saliva verso via Gramsci, centrando in pieno (frontalmente, sul lato sinistro) il furgone che invece scendeva dall’incrocio di Pratello. Un impatto violentissimo: la moto è finita in parte incastrata sotto il furgone, R.M. è stato invece scaraventato sull’asfalto.Il ragazzo giaceva a terra esanime, privo di sensi, di fianco alla moto ormai ridotta a un informe groviglio di lamiere. Le sue condizioni sono parse subito gravissime: la centrale operativa del 112 ha inviato in loco un’ambulanza della Croce Rossa e l’automedica di Desenzano, mentre da Brescia decollava l’elicottero che ha poi provveduto al trasporto in ospedale, in codice rosso. Attualmente è ricoverato in Rianimazione, la sua vita è appesa a un filo.