Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 24 ottobre 2017

Traffico di coca in Cassazione
Niente sconti per i condannati

Non capita spesso di seguire una vicenda giudiziaria che arriva fino al terzo grado di giudizio a partire da un caso di traffico di stupefacenti. È successo a Calcinato, e non c’è stato alcuno sconto di pena per la vicenda di spaccio di cocaina al centro dell’attenzione.

IL NULLA di fatto rispetto alla condanna d’appello (a 8 anni e 10 mesi per entrambi) è uscito dalla Corte di Cassazione, che nei giorni scorsi ha rigettato i ricorsi di due dei trafficanti coinvolti. La storia? Secondo la ricostruzione processuale i due, un italiano di 69 anni e un rumeno di 40 avevano acquistato 400 grammi di cocaina da un rivenditore colombiano per un valore di 21 mila e 500 euro. Poi l’avevano rivenduta a un terzo «operatore» di Calcinato il quale a sua volta l’aveva ceduta in piccole dosi a diversi clienti.

La filiera era però finita nel mirino delle forze dell’ordine grazie al lavoro di alcune telecamere posizionate in un autoparco che avvano registrato i contatti tra i primi acquirenti e lo spacciatore sudamericano. Non solo: i militari erano anche riusciti a piazzare all’interno della Punto di uno dei compratori, il 69enne italiano di Calcinato, una microspia per captare le conversazioni e un ricevitore Gps per localizzare il veicolo, mentre la Jaguar del rumeno era stata semplicemente immortalata dalla videosorveglianza dell’autoparco.

Le intercettazioni hanno svelato comunicazioni frequenti tra i protagonisti della vicenda, e da queste è emerso che in un primo momento l’appuntamento per la vendita dei 400 grammi di cocaina doveva essere fissato in un bar di Calcinato, ma in seguito al casuale ingresso di due poliziotti nell’esercizio commerciale tutto era andato a monte. Così, qualche giorno dopo, lo spacciatore colombiano e i due acquirenti si erano dati appuntamento in un garage calcinatese per completare l’operazione. È stato a quel punto che i due clienti sono diventati a loro volta spacciatori smerciando in pochi giorni lo stock appena acquisito al trafficante 41enne calcinatese.