Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
sabato, 22 settembre 2018

«Casa di riposo a prova di morbo del legionario»

La Rsa è super-attrezzata sul fronte della prevenzione batterica

«Nell'acqua utilizzata nella Casa di riposo di Montichiari non si rileva la presenza di legionella». AD AFFERMARLO è il presidente della Montichiari multiservizi Giuseppe Casella, il quale ha ricordato che «da anni è in corso un sistema di prevenzione dalla legionella mediante l’utilizzo di una sostanza chimica denominata bioxan, che viene immessa nell’acqua potabile in quantitativi idonei e non nocivi per la salute». La tecnica viene impiegata sia nella Casa di riposo che nel centro cottura. «Il dosaggio del Bioxan è affidato ad una ditta specializzata che effettua controlli costanti - afferma Casella-. Le misure di prevenzione consistono in particolare nella sostituzione frequente di tutte le docce ed i filtri dei rubinetti e nel flussaggio quotidiano dell’acqua dei bagni affidata alla ditta che effettua le pulizie. Tutti gli sono a disposizione di Ats per i controlli». Le ultime analisi - di solito effettuate con cadenza trimestrali attraverso un protocollo di campionamenti sono state effettuate a fine luglio ed «hanno avuto esito negativo, ovvero nell’acqua utilizzata nella nostra Casa di riposo e nel centro cottura non è stata rilevata la presenza di legionella», conclude il presidente della Montichiari Multiservizi. SE LE STRUTTURE sanitare e socio assistenziali sono attrezzate, sul fronte della sanificazione di altri edifici pubblici, come gli impianti sportivi e le scuole, sarà necessario attuare il protocollo di profilassi suggerito dall’Ats che consiglia la sostituzione dei filtri e la sanificazione con shock termici di tubature e rubinetti. © RIPRODUZIONE RISERVATA