Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 21 settembre 2018

Dietro il raptus
due bottiglie
di whisky

Aveva tracannato oltre un litro e mezzo di whisky in meno di due ore l’indiano di Remedello che, nel tardo pomeriggio di sabato dopo aver provocato un tamponamento, è andato in escandescenze aggredendo nell’ordine il conducente dell’auto speronata, gli agenti della Polizia locale e un medico dell’ospedale di Montichiari. Alla fine l’operaio è stato ricoverato per intossicazione etilica: nel sangue aveva una concentrazione di alcol di sei volte superiore al consentito.

MA NONOSTANTE le sue condizioni alterate non aveva esitato a mettersi al volante della Opel Astra su cui viaggiava, con la moglie e i due figli (uno di soli 7 mesi), per raggiungere la festa etnica in programma al Centro Fiera di Montichiari.

Lungo la strada l’incidente e il corollario di violenza costati all’operaio 38enne il ritiro della patente e una denuncia per guida in stato di ebrezza, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. V.MOR.