CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

24.12.2017

La comunità si mobilita per il parco «congelato»

Dovrebbe chiamarsi «Parco strada Costa», ma è evidentemente un’opera incompiuta, e adesso, per portarla a termine a Ghedi è nato un gruppo di promotori che ha subito deciso di crescere attraverso i social. Arriva infatti via Facebook l’appello lanciato ai cittadini affinché l’area verde passi dalla teoria alla concretezza e, unendosi al Parco dei Fontanili, dia vita a un importante polmone verde a ridosso della frequentatissima Lenese (la sp 668), migliorando la qualità della vita degli abitanti della zona e di tutti i ghedesi. «Più siamo e più contiamo - sottolineano gli Amici del parco -, e grazie ai numeri possiamo fare pressione sull’amministrazione comunale per completare l’opera al più presto. Sta a noi ghedesi fare in modo che ciò avvenga. Lì troverebbero inoltre ospitalità numerose attività ricreative e sportive, oltre a feste e concerti». Inoltre, trovandosi vicino a via Olimpia e al Centro sportivo, l’area verde «potrebbe integrarsi con la struttura ampliando l’offerta di attività agonistiche». L’agronomo Eugenio Fasser plaude all’iniziativa ricordando che in parte, «nella zona a Est il parco esiste già», e rammenta che è stato lui a firmare a suo tempo il progetto costato all’amministrazione comunale solo la sua parcella perché finanziato da un contributo regionale. «Ma poi il bosco è rimasto senza accesso - prosegue il tecnico -, mentre l’area potrebbe essere collegata con altri spazi naturali e rappresentare una barriera all’inquinamento della Lenese». Tanto più che a breve distanza la gente svolge attività motoria. • M.MON.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1