CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.01.2018

Meningite a Ghedi: migliorano le condizioni del bimbo di tre anni

La scuola materna «Maddalena di Canossa» di Ghedi
La scuola materna «Maddalena di Canossa» di Ghedi

Sono migliorate le condizioni del bambino di tre anni di Ghedi colpito sabato da meningite. La conferma è arrivata dall’Ospedale Civile di Brescia. Anche se il piccolo sta affrontando una fase delicata, c'è ottimismo per la guarigione. Nel frattempo il sindaco Lorenzo Borzi, a nome di tutta la comunità di Ghedi, ha chiamato la famiglia di Filippo per sincerarsi della condizioni di salute e per manifestare la vicinanza della cittadinanza ai famigliari: «Ho chiamato i genitori e mi hanno confermato che il loro bambino sta meglio, c'è stato un lieve miglioramento». Un pensiero per il piccolo, ricoverato nel reparto di rianimazione pediatrica dell’ospedale di Brescia, è arrivato anche dall'oratorio San Giovanni Bosco di Ghedi. «La preghiera di ogni bambino, giovane e adulto dell'oratorio al buon Dio per te, e per la tua famiglia. Guarisci presto, ti aspettiamo», è il messaggio di affetto lanciato dall'oratorio. PROSEGUONO intanto le lezioni alla scuola parrocchiale dell'Infanzia «Maddalena di Canossa». Se nella giornata di lunedì alcuni genitori preoccupati dal caso di meningite che ha colpito il bambino di 3 anni hanno preferito non mandare a scuola i loro figli, i banchi sono tornati ad essere occupati da tutti (o quasi) i piccoli. Nonostante ciò continua a rimanere alto il livello di apprensione dei genitori. La preoccupazione delle famiglie, ed in generale dei cittadini di Ghedi, non si è placata nonostante sia stata avviata la campagna di profilassi messa in campo da Ats, che nella mattinata di domenica ha coinvolto ben 160 persone in questa operazione. La terapia a base di antibiotici è stata somministrata ai 110 iscritto che, come il bimbo affetto da meningite, frequentano la scuola parrocchiale dell'Infanzia «Maddalena di Canossa», alle insegnanti, ai parenti e al personale del pronto soccorso pediatrico di Manerbio che in un primo tempo si erano presi cura del piccolo. V.MOR.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1