Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 18 ottobre 2017

Il giallo dell’anagrafe:
in paese ben 225
centenari «fantasma»

Secondo gli archivi a Calvisano abiterebbero 225 ultracentenari (BATCH)

Sulla carta Calvisano è un paese per vecchi anzi, per vecchissimi. Stando ai documenti anagrafici in paese abitano 225 ultracentenari. Incredibile, vero? Naturalmente non è così: il numero, enorme, è semplicemente frutto della mancata comunicazione al Comune da parte di tanti cittadini del decesso dei rispettivi parenti. Un dato folle ma in ottima compagnia di altri numeri mancanti o molto approssimati che non permettono all’ente locale di avere un quadro realistico della situazione anagrafica e urbanistica. Per questo l’amministrazione comunale ha avviato il progetto «Calvisano 4.0», finanziato dall’Aato e che si svolgerà dall'8 al 28 ottobre. «Ottanta ragazzi degli istituti superiori Don Milani di Montichiari, Capirola di Ghedi e Bonsignori di Remedello - annuncia il sindaco Giampaolo Turini - passeranno casa per casa gratuitamente e muniti di un distintivo di riconoscimento per il completamento e la verifica della banca dati comunale».

La Giunta punta a risolvere uno dei problemi che si trascinano da diverso tempo. Il dato macroscopico relativo agli ultracentenari non è infatti l’unico. Al momento all’ente locale risultano ben 1.396 edifici senza titolarità, 443 stabili con diritto non specificato, altri 1.051 immobili senza rendita e ben finire 1.526 costruzioni con un toponimo sbagliato o senza numero civico. «Abbiamo deciso di chiarire il quadro - conclude Turini -, pianificando una campagna di verifica e risanamento delle banche dati. L’obiettivo finale è l’inserimento dei dati raccolti nella piattaforma Qcumber per promuovere la sostenibilità sociale e ambientale».