CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

09.11.2017

Borse di studio e un libro
per ricordare Pettinati

Luigi Pettinati morto nel 2016
Luigi Pettinati morto nel 2016

Il modo di fare banca, coniugando economia, cooperazione, cultura e solidarietà, di Luigi Pettinati, direttore di Cassa Padana di Leno dal 1992 al 2016, scomparso improvvisamente il 9 novembre di un anno fa, non è svanita insieme a lui grazie a due borse di ricerca messe a disposizione dal Dipartimento di economia e management dell’Università degli Studi di Brescia da Giovanna Rossetti e Laura, moglie e figlia di Pettinati. Due borsisti - che lavoreranno in collaborazione con Cassa Padana e Fondazione Dominato Leonense - analizzeranno alcuni dei progetti realizzati durante il periodo di gestione del banchiere di Alfianello per una via alternativa e innovativa di fare Credito cooperativo. Il bando sarà pubblicato a dicembre, il lavoro di ricerca inizierà a gennaio e proseguirà per 8 mesi. Referente scientifico Marco Castellani che lavorerà in coordinamento con Socialis, il Centro studi in imprese cooperative, sociali ed enti non profit. «Vorremmo raccontare e tramandare le modalità alternative e lungimiranti di fare credito cooperativo in cui mio padre ha fortemente creduto - spiega Laura Pettinati - mettere in luce, con fondamenti scientifici e sociologici, come questo pensiero sia stato concretamente applicato, a supporto del territorio e per la cooperazione internazionale». Nel frattempo è stato pubblicato il volume «Verrà un giorno senza confini» a raccontare l'avventura umana e bancaria che Cassa Padana ha avuto in Palestina dal 2009 al 2016. Il libro, gratuito, a disposizione di clienti e soci potrà essere richiesto in filiale dal 12 novembre.M.MON.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1