Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 12 dicembre 2017

Coldiretti e Confagricoltura
incoraggiano gli associati

La tromba d’aria di martedì pomeriggio ha uno strascico economico. Rilevanti i danni per agricoltura e zootecnia, lamenta Coldiretti, impegnata in un monitoraggio nella fascia che va da Montichiari a Bagnolo Mella, a Leno. Le prime rilevazioni indicano che il maltempo ha colpito campi di mais e orzo, ha distrutto e scoperchiato fabbricati ad uso zootecnico e ricoveri per il fieno.

A Milzanello, Castelletto e Squadretto frazioni di Leno, riassume Coldiretti, la tromba d’aria è stata fortissima e insieme alla grandinata ha causato gravi danni alle strutture di ricovero degli animali: una stalla con vacche e vitelli è stata completamente distrutta e danni ingenti rilevati anche alle strutture civili, divelti numerosi alberi, cornicioni delle strutture volati via e vetri di alcune abitazioni andate in frantumi.

A MONTICHIARI si contano danni sul mais per il 70%. A Bredazzane colpiti mais e orzo e due fabbricati che si sono completamente scoperchiati causando il danneggiamento delle balle di fieno e dei mangimi.

La coda del maltempo ha colpito con una forte grandinata, anche la zona della Franciacorta, in particolar modo nella fascia che comprende il Comune di Erbusco dove si rilevano ingenti danni ai vigneti. Analogo intervento tra gli associati di Confagricoltura Brescia. L’azienda Bellomi di Leno, una delle più colpite, ammette: «È un miracolo che sia deceduto solo un capo, non ci resta che raccogliere le macerie e ricostruire la stalla delle vacche da latte, il pezzo di cascina che si è sgretolato e risanare tutti i campi coltivati a mais. È un duro colpo, ma siamo pronti a ripartire». Se per pochi la tromba d’aria è stata devastante, ai più ha creato numerosi danni che, anche se non drammatici, sono stati comunque ingenti. Domani mattina è in programma un sopralluogo della dirigenza di Confagricoltura Brescia nelle aziende agricole colpite.